QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 11°21° 
Domani 12°21° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
venerdì 24 maggio 2019

Attualità sabato 26 gennaio 2019 ore 17:55

La Toscana piange Scarpelli, eroe del Monte Serra

Maurizio Scarpelli

Il pilota di Reggello morto in Val d'Aosta era una punta di diamante dell'antincendi boschivi. Ha contribuito a spegnere il rogo sui monti pisani



FIRENZE — La notizia della tragica morte di Maurizio Scarpelli, 53 anni di Reggello, vittima di un terribile incidente aereo in Val d'Aosta, è stata accolta con grande sgomento e commozione anche tra le fila del servizio antincendio boschivo della Regione Toscana. Scarpelli, infatti, con la sua esperienza era uno dei piloti storici degli elicotteri di cui la Regione dispone per domare gli incendi. A settembre aveva lavorato nelle operazioni di spegnimento del grande incendio che ha devastato i monti pisani. 

Il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi ha espresso il cordoglio della giunta per la sua scomparsa.  "Scarpelli era molto apprezzato in Regione Toscana per la sua attività di pilota, molto amato dai compagni dell'antincendi boschivi e della Protezione civile, dove operava da oltre dieci anni ed era considerato uno dei riferimenti con maggior esperienza. Esprimo il massimo cordoglio mio, della Giunta e dell'intera struttura regionale alla famiglia, agli amici ed ai compagni di Scarpelli per la tragica perdita di una persona di grande valore". "Scarpelli - ha aggiunto Rossi - è stato tra i protagonisti in positivo dello spegnimento del grande incendio dei monti pisani del settembre scorso a lui ed ai suoi colleghi andrà per sempre la nostra riconoscenza".

Il pilota era molto conosciuto anche per la sua attività di informazione e per i numerosi incontri da lui tenuti nelle scuole toscane per spiegare ai ragazzi come si fa a prevenire gli incendi. Tra i colleghi dell'antincendi è vivo anche il ricordo della sua collaborazione nell'addestramento al Centro AIB La Pineta. 

Scarpelli era ai comandi del suo elicottero quando si è scontrato con un piccolo aereo da turismo sul ghiacciaio del Rutor, a tremila metri di altezza. Cinque i morti accertati. 



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Lavoro

Politica

Elezioni

Attualità