QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 17°22° 
Domani 16°27° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
mercoledì 17 luglio 2019

Attualità venerdì 16 ottobre 2015 ore 15:07

Un progetto per ridurre la dispersione scolastica

Si chiama Val val e analizzerà le criticità in ambito formativo tramite raccolta dati. L'assessore regionale Grieco: "I fondi ci sono"



PONTEDERA — Si chiama Val val e sta per "Valutazione Valdera". Si tratta una struttura tecnica di supporto alle scuole, nata per combattere la dispersione scolastica, individuare le criticità di ogni istituto e aiutare i docenti a risolverle, fornendo indicatori dettagliati che consentano di capire dove e come investire le risorse per il successo formativo. Il progetto utilizzerà strumenti di valutazione e autovalutazione basandosi sulla raccolta di dati attendibili, molti dei quali sono già stati resi disponibili dall'Osservatorio scolastico provinciale.

Val val convoglierà risorse locali e regionali per un'ammontare di circa 20mila euro ed è il frutto di un anno di collaborazione fra i vari soggetti promotori: l'Unione Valdera, la Regione Toscana, l'Ufficio scolastico regionale, la rete degli istituti della Valdera Costellazioni e Indire, l'istituto nazionale di documentazione, innovazione e ricerca educativa.

Una realtà inedita, che promette di "fare scuola" in molti sensi, avendo destato l'interesse della Regione. Il progetto è stato presentato (e ufficializzato) questa mattina all'Itcg Enrico Fermi. A siglare il patto di collaborazione c'era anche l'assessore regionale all'istruzione Cristina Grieco, che guarda all'iniziativa come a un possibile progetto pilota: "Essendo una sperimentazione servirà a capire se l'esperienza potrà essere ripresa altrove, e diventare così un riferimento a livello regionale" ha dichiarato nel corso dell'incontro con i presidi della zona.

"Ci aspettiamo che Val val aiuti le scuole a mettere in luce difetti, debolezze e mancanze a livello didattico - ha continuato Grieco. - Il 17% di dispersione scolastica in Toscana è un dato inaccettabile". Da quanto emerso, il punto cruciale risulta essere l'adolescenza: è questa l'età in cui si verifica il maggior numero di fallimenti, come bocciature o abbandono del percorso scolastico.

"Un sistema informativo affidabile ed efficiente potrebbe essere al soluzione" ha sottolineato Grieco, per poi aggiungere che "le scuole non devono essere gestite come se fossero isole". Fare rete, dunque, unire le forze. Il nuovo coordinamento servirà proprio a questo, oltre che ha raccogliere e diffondere analisi numeriche sui risultati dell'insegnamento. Un approccio che vuole essere pragmatico.

La prima iniziativa concreta è già sul tavolo: un questionario "a tappeto" per tutti i docenti della Valdera. "Lo consegneremo prima di Natale - ha annunciato la dirigente scolastica Daniela Pampaloni.  - Ci aiuterà a capire che idea hanno della scuola gli insegnanti delle medie e cosa si aspettano quelli del biennio dal lavoro dei colleghi e dai ragazzi che accolgono all'ingresso del liceo".

"C'è anche il problema dell'orientamento - ha incalzato Grieco - fatto sulla base di modelli che non esistono più". Grossa dispersione nel settore professionale: "E" necessario usare finanziamenti comunitari per rafforzare le scuole tecnico-professionali. La nostra linea come giunta è quella di rafforzarli".

In questo senso, arrivano anche le rassicurazioni sul piano dei finanziamenti: "Stiamo per chiudere il bilancio, abbiamo cercato di preservare la stessa cifra ai programmi educativi di zona: nel 2015 abbiamo potuto impegnarne la metà a causa della legge di stabilità. Investiamo circa 11milioni e 850 mila euro (il 10% delle politiche regionali). Nel 2015 saranno circa 6milioni di euro, quelli versati, e nel 2016 l'altra metà. Ogni zona può dunque iniziare a fare il suo programma sulle stesse misure dello scorso anno. Spero davvero che il progetto Val Val possa essere esportato altrove" ha concluso l'assessore.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Spettacoli

Lavoro

Spettacoli

Attualità