Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:51 METEO:PONTEDERA14°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
domenica 18 aprile 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Milano, le notti violente all'Arco della Pace

Cronaca giovedì 08 aprile 2021 ore 13:00

Attualmente positivi in aumento, 4 i ricoverati

foto aerea
Il borgo di Vicopisano
Foto di: Piero Frassi

Nuovo aggiornamento sull'andamento dell'epidemia di coronavirus sul territorio comunale da parte del sindaco Matteo Ferrucci



VICOPISANO — "Il Servizio di Igiene e Sanità Pubblica della Azienda Usl Toscana Nord Ovest ci ha comunicato che dal 4 Aprile, data del mio ultimo aggiornamento, ci sono stati 16 nuovi casi e 6 guarigioni" ha fatto sapere il sindaco Matteo Ferrucci. 

Le persone attualmente positive sul territorio comunale di Vicopsiano sono così passate dalle 40 del 4 Aprile alle 50 di oggi, 4 delle quali risultato ricoverate in ospedale per Covid-19. "Come sempre auguro loro, anche tramite questa comunicazione, di guarire e di tornare alla loro vita e ai loro affetti quanto prima" ha aggiunto il primo cittadino, sottolineando che questo "è un momento che richiede ancora più forza e resistenza perché dopo tutto questo tempo e dopo tutte queste restrizioni, siamo stanchi, provati e tesi e ogni cosa diventa più pesante".

"Confido che sia 'l'ultimo miglio'... l'ultimo - ha concluso Ferrucci -, grosso sforzo da affrontare per poi riprendere la nostra vita, affrontando e superando poi insieme l'inevitabile, purtroppo, strascico di conseguenze sociali ed economiche che questa pandemia sta lasciando".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Stabile il numero dei pazienti Covid ricoverati al Lotti, mentre va avanti la campagna vaccinale. Ecco tutti i numeri di oggi
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Libero Venturi

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cultura

CORONAVIRUS

Cronaca