Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:00 METEO:PONTEDERA13°27°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
giovedì 23 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
No-vax contesta Letta e interrompe il comizio a Trieste: «Il vaccino è libertà?»

Attualità mercoledì 23 ottobre 2013 ore 09:25

L’Unione Valdera aderisce al progetto Oileco



All’iniziativa per il recupero degli oli vegetali esausti hanno aderito otto Comuni dell’Ente, che hanno realizzato 22 siti di raccolta in Valdera Valdera – Una filiera virtuosa che intercetti, recuperi e valorizzi l’energia degli oli vegetali esausti prodotti in casa o nelle attività commerciali. Questo l’obiettivo del progetto Oileco, co-finanziato dal Programma Energia Intelligente per l’Europa, al quale hanno aderito molti comuni dell’Unione Valdera. Un’iniziativa che tiene di conto della duplice essenza degli oli che sono rifiuti ma anche risorse. Rifiuto non pericoloso in quanto causa di ingenti danni se disperso nell’ambiente, nei corsi d’acqua così come nelle condotte delle acque reflue che corrode e ostruisce. Gli oli vegetali esausti però possono anche trasformarsi in risorsa per l’uomo ed è questo il senso del progetto Oileco. Tutto ciò attraverso un partenariato locale tra Unione Valdera, l’impresa privata Physis attiva nella raccolta e la pulizia degli oli e Belvedere Spa, l’azienda che gestisce l’impianto di smaltimento rifiuti di Legoli e che da anni sperimenta diverse forme di produzione di energia da fonti rinnovabili. A questo accordo di filiera ha fatto poi seguito la convenzione per la raccolta sul territorio, firmata tra Physis e 8 comuni dell’Unione: Bientina, Buti, Capannoli, Casciana Terme, Palaia, Peccioli, Ponsacco e Santa Maria a Monte. In seguito verranno definite le migliori modalità di recupero degli oli vegetali che, attraverso diversi trattamenti possono trasformarsi in lubrificanti, vernici, inchiostri, distaccanti, additivi per la concia delle pelli, saponi, carburanti o combustibili. Per dare la possibilità a tutti i cittadini di contribuire al progetto, i Comuni hanno allestito sui loro territori 22 appositi centri di raccolta: a Capannoli in piazza Garibaldi e via delle Pietre, a Santo Pietro Belvedere in via della Resistenza, a Forcoli in piazza Nilde Iotti, a Palaia in via San Francesco, a Montefoscoli in piazza San Sebastiano, a Buti al parcheggio del cimitero, a Cascine in largo Piavola, a Santa Maria a Monte in via Pregiuntino, a Cerretti in via Cerretti, a Ponticelli in via Colombaie, a San Donato in via San Donato, a Montecalvoli in via Lungomonte, a Ponsacco in via Trieste e via F.lli Cervi, alle Melorie in via di Gello, a Val di Cava in via delle Colline, a Bientina in via Pacini, alle Quattro strade nel parcheggio in via Lapo Gianni, a Casciana Terme al parcheggio in via Magnani, a Peccioli in piazza San Bartolo e a Fabbrica in via V.Veneto.
Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Prossima apertura, nella prima settimana di Novembre, di PokèFlash, in Piazza Martiri Della Liberta. Ecco le figure richieste
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Riccardo Ferrucci

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Cronaca

Cronaca

Attualità