QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 12°13° 
Domani 12°20° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
giovedì 17 ottobre 2019

Politica lunedì 23 dicembre 2013 ore 15:03

Asilo, Parrella: “Grazie a noi è stata assicurata la continuità educativa”

Il sindaco Ilaria Parrella

Il sindaco di Santa Maria a Monte spiega la questione del bando di gestione del nido e attacca la precedente amministrazione



SANTA MARIA A MONTE — “È stata questa amministrazione a chiedere un incontro all’Unione Valdera, insieme ai genitori per chiedere di assicurare la continuità didattica e di non disperdere le professionalità della precedente cooperativa”. Così il sindaco di Santa Maria a Monte Ilaria Parrella interviene sulla questione del bando di gestione dell’asilo nido La Coccinella che ha scatenato nei mesi scorsi le proteste dei genitori.

Dopo l’intervento risolutivo del direttore generale dell’Unione che è riuscito a mantenere pressoché la solita equipe nella struttura affidata a metà anno a un’altra cooperativa educativa, è arrivata anche la replica del primo cittadino che ha fornito la spiegazione della vicenda: “La precedente amministrazione formata da Pd e Sel – ha detto il sindaco Parrella – ha deciso prima della scadenza del mandato di non procedere alla gara per la gestione del nido, così questa giunta si è ritrovata con una proroga a fine anno da parte dell’Unione. Il 22 ottobre poi abbiamo chiesto di estenderla fino a luglio 2014 per assicurare la continuità didattica, ma l’Unione ha risposto che non era tecnicamente possibile dal momento che il nostro comune ha trasferito all’ente la funzione socio educativa”.

Secondo Parrella quindi, tutta la colpa sarebbe della giunta Turini che non ha proceduto in tempo al bando di gara per il nido, ma ha fatto solamente quello per la gestione triennale del trasporto scolastico. “Merito di questa amministrazione invece – ha detto il sindaco – è di aver lavorato per assicurare la continuità didattica e non disperdere le professionalità del educatrici. Potevamo – ha concluso Parrella – cavalcare la protesta legittima dei genitori del nido e farne una battaglia contro l’Unione e invece abbiamo scelto di difendere il diritto all’educazione dei bambini del nido e farsi promotori di un incontro riparatore”.



Tag

"Conte falso come il Parmesan", bagarre Lega in Senato. Casellati sospende la seduta

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Lavoro