QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 10°13° 
Domani 12°14° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
domenica 15 dicembre 2019

Cronaca mercoledì 06 agosto 2014 ore 16:08

Bomba d'acqua: "Non c'era nessuna allerta"

Lo sfogo e i propositi dell'assessore alla protezione civile di Pontedera Franconi dopo la bomba d'acqua. "Non c'è stata nessuna allerta meteo"



PONTEDERA — Nessuno ci ha avvisato dalla protezione civile regionale non è arrivata nessuna allerta” dice l'assessore alla protezione civile Matteo Franconi commentando la bomba d'acqua di ieri. 

Dopo il nubifragio l'assessore alla protezione civile spiega come si è creata la criticità che per la terza volta in due settimane ha determinato l'allagamento di Pontedera. Franconi spiega anche cosa è stato fatto per fronteggiare nuovi fenomeni del genere.

“Innanzitutto va detto – spiega Franconi - che nessuno ci ha allertato dai centri predisposti: non c'è stata alcuna allerta. Sono stati alcuni dipendenti comunali che, viste le notizie che giungevano da altre zone della Regione e le dense nubi all'orizzonte, hanno avviato le procedure. Siamo stati noi che, circa 15 minuti prima, abbiamo avvertito i commercianti e predisposto le prime misure con gli uomini delle manutenzioni comunali e con la Polizia locale”.

“Il Comune – continua Franconi - è presente e sta lavorando per affrontare questa situazione. Nel piano triennale delle opere pubbliche approvato nell'ultimo consiglio comunale sono stati stanziati oltre 250 mila euro per l'acquisizione di strumenti, attrezzature ed infrastrutture per fronteggiare le emergenze meteorologiche. Sono stati stanziati anche centomila euro per cofinanziare l'esproprio di alcuni terreni a Santa Lucia finalizzati alla deviazione del torrente Rotina, da parte del Consorzio di Bonifica. Si pensi che ieri, nel primo pomeriggio, diverse ore prima che ci fosse il violento nubifragio avevamo incontrato alcuni commercianti (delle vie interessate dai precedenti fenomeni) per affrontare il tema del rischio alluvionale, legato a questi eventi. E' stato concordato un percorso. Attraverso la variazione del bilancio comunale sono state trovate delle risorse per cofinanziare alcuni interventi privati, mirati a minimizzare i danni di queste bombe d'acqua, come l'acquisto e la predisposizione di paratie, di bagni a tenuta stagna, di pompe di sollevamento. Inoltre è stato deciso un meccanismo di comunicazione degli allarmi meteo attraverso i cellulari. Infine si è stabilito un meccanismo di collaborazione tra il Comune e i commercianti, per l'uso e la fornitura, in caso di emergenza dei sacchi di sabbia. Poche ore dopo questa riunione abbiamo avuto il nubifragio”.

Infine l'assessore spiega: “Da oggi lavoreremo per fare ancora meglio consapevoli però che da soli è impossibile e che stiamo parlando di eventi meteorologici straordinari che stanno mettendo in difficoltà l'intero pianeta e non solo la nostra cittadina”



Tag

Dai Girotondi alle Sardine:l'abbraccio tra le generazioni della sinistra

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Cronaca

Attualità