QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 16°16° 
Domani 15°26° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
martedì 22 ottobre 2019

Attualità venerdì 29 marzo 2019 ore 13:00

Una tesi di laurea sul futuro di Castel Tonini

Castel Tonini

Resi noti i dettagli della convenzione fra Comune e facoltà di ingegneria di Pisa, per capire come e con quali finalità recuperare l'edificio storico



BUTI — Castel Tonini, simbolo identitario di Buti, con la sua mole alta e massiccia domina l’interna valle. Di origini medievali, deve il suo nome alla famiglia che a metà del 1600, finito il periodo delle guerre, lo volle trasformare in dimora di prestigio, fino all’importante restauro nei primi del Novecento in stile neo gotico che ha portato alla creazione dell'elegante terrazza, arricchita da bifore e sormontata da una nuova merlatura, che si affaccia sulla piazza di Buti. Nel 1981 il Comune di Buti acquistò l’edificio dalla famiglia Ferragamo storica firma delle scarpe di lusso, e da quel momento sono succeduti vani tentativi per riqualificarlo, tutti falliti.

Il sindaco Alessio Lari spera ora di venire a capo del problema. “Oggi - ha detto il primo cittadino - parte un nuovo percorso per costruire un progetto di qualità avvalendosi della collaborazione dell’Università per restituire la fruibilità del Castello ai suoi proprietari: i cittadini butesi”.

Nello specifico, grazie alla convenzione stipulata tra l’amministrazione butese e il Dipartimento di ingegneria dell’energia, dei sistemi, del territorio e delle Costruzioni dell’Università di Pisa (Destec), verrà sviluppata attività di ricerca, di studio, di sperimentazione sull’edificio storico e arrivare per un progetto di ristrutturazione.

Responsabile scientifico del progetto sarà l'ingegner Marco Giorgio Bevilacqua, professore associato di Disegno dell'Architettura e Metodi di Rilievo dell'Architettura all’Università di Pisa, che collaborerà con la professoressa Anna De Falco esperta in consolidamento delle Costruzioni e con la studentessa Giada Bartolini, che su questo progetto farà la sua tesi di laurea. Il pool multidisciplinare costituito dell’Università sarà coadiuvato dall’Architetto del Comune di Buti Katuscia Meini.

“Il Dipartimento di Ingegneria - ha commentato Bevilacqua - ha tra gli obiettivi quello di consolidare il rapporto con il territorio, stipulando collaborazioni con gli enti pubblici in modo da permettere agli studenti del Dipartimento di affrontare tesi di laurea e di dottorato su progetti concreti”.

La convenzione, di durata biennale, prevede che possano essere attivati specifici contratti di ricerca, stage, borse di studio e di ricerca e altre forme previste dalla legge.

"I risultati conseguiti nell’attività di studio e ricerca, che rimangono di proprietà congiunta - hanno specificato dall'amministrazione comunale -, saranno un primo passo importante verso la richiesta di finanziamenti ad enti pubblici e Fondazioni private per la sua messa in sicurezza, riqualificazione e riuso a servizio della cittadinanza e per uno sviluppo turistico del paese".



Tag

Myrta Merlino a Matteo Salvini: «Le offro una camomilla...», «Solo se non è zuccherata, sennò la tassano»

Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Sport

Attualità

Cronaca