comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 18°24° 
Domani 18°23° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
martedì 22 settembre 2020
Giani
860.214
 
48.62%
Ceccardi
715.590
 
40.45%
Galletti
113.273
 
6.40%
Vigni
7.646
 
0.43%
Fattori
39.520
 
2.23%
Barzanti
15.996
 
0.90%
Catello
16.945
 
0.96%
corriere tv
Bomba d'acqua ai Castelli Romani, strade come fiumi a Rocca di Papa

Cronaca martedì 03 novembre 2015 ore 10:55

"Mara non morì soffocata"

Ascoltato il medico legale: il quadro delle analisi sarebbe compatibile con un'aggressione. La donna potrebbe essere morta per infarto dovuto ai colpi



CAPANNOLI — Non è morta per soffocamento Mara Catani Nieri, la donna trovata morta nel giardino di casa a Capannoli nell'aprile 2013. A stabilirlo è stato l'esame autoptico condotto dal medico legale Marco Di Paolo.

La 42enne sarebbe morta per arresto cardiaco, causato da colpi inferti con un oggetto contundente, e le lesioni sul suo corpo sarebbero una concausa della morte. Di Paolo lo ha riferito alla corte d’assise, mettendo in luce le numerose ecchimosi rilevate sul volto della donna, insieme a una frattura scomposta del naso che sarebbe compatibile, a detta dell'esperto, con un violento pugno.

La corte ha ascoltato anche il medico della difesa, la dottoressa Gamba, che ha invece sottolineato la possibilità di una caduta, dovuta al tasso alcolemico riscontrato.

Il 16 novembre sarà ascoltato l’imputato. Alla sbarra, con l’accusa di omicidio preterintenzionale, è il compagno di Mara, Alfredo Di Giovannantonio, camionista 39enne di Zambra.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Cronaca

Politica

Politica