QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 14° 
Domani 10° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
giovedì 14 novembre 2019

Attualità giovedì 15 novembre 2018 ore 14:17

40mila euro a sostegno dell'offerta didattica

La dirigente Linda Sansone e la sindaca Arianna Cecchini

Invistimento del Comune a beneficio del locale istitituto comprensivo, su progetti inerenti ambiente, solidarietà, memoria, inclusione e sport



CAPANNOLI — È stato sottoscritto dalla sindaca Arianna Cecchini e dalla dirigente scolastica dell’Istituto comprensivo “S.Pertini” di Capannoli Lidia Sansone un protocollo d'intesa tra Comune e scuola per l’anno scolastico 2018/2019. Finalità condivise per garantire l’arricchimento dell’offerta formativa, realizzando condizioni di pari opportunità tra tutti i ragazzi e bambini e contrastando la dispersione scolastica, che in Valdera è ben inferiore rispetto alla media regionale.

L’intento è anche far partecipare i genitori attraverso momenti collettivi e garantire una continuità educativa tra l’esperienza dell’asilo nido, la scuola dell’infanzia e le scuole successive.

Attraverso risorse dell'amministrazione comunale, principalmente sotto forma di progetti, in parte attraverso i PEZ - Piani Educativi di Zona - pensati e coordinati dall'Unione Valdera e cofinanziati da Regione Toscana, in parte attraverso progetti specifici destinati alle varie scuole di Capannoli e Santo Pietro Belvedere.

"Per la prima volta - ha spiegato la prima cittadina - abbiamo voluto condividere un protocollo d'intesa che contempla un quadro completo delle varie attività a cui il Comune contribuisce, anche al fine di razionalizzare le risorse ed evitare la sovrapposizione di progetti similari. Il Comune di Capannoli in questi anni ha investito sempre di più sulla scuola, sia in progetti che in edilizia scolastica, la scuola deve avere un ruolo centrale”.

All'interno dei PEZ sono finanziati ad esempio gli interventi sul bullismo, sulla dislessia, sulla robotica, gli incontri rivolti ai genitori con esperti e molto altro. In più, i progetti scelti dal Comune e proposti alle singole scuole: attività motoria sia all'infanzia che alla scuola primaria, educazione stradale, ambientale, alimentare, progetti con gli animali (ricordiamo il progetto con gli asini per l'infanzia o quello di pet-therapy per la primaria), progetti sulla parità di genere sia alla primaria che alla secondaria, interventi che mirano a ricordare date significative della nostra storia (pellegrinaggio ai campi di sterminio, giornata della memoria, appuntamenti come il 4 novembre, il 25 aprile o la Festa della Toscana), progetti di solidarietà come Cartoon School.
Molti di questi progetti vengono realizzati con la collaborazione delle associazioni locali, un altro vanto della comunità. Il tutto per oltre 40mila euro di investimento.

Il Comune garantisce anche contributi economici finalizzati all'autonomia scolastica (7mila euro), ad interventi per la disabilità (2.500 euro), ma anche all'acquisto di materiale di cancelleria e di rotoli di carta per tutte le scuole (1.000 + 500 euro).



Tag

Mose, Fiorello in diretta: «7 mld per un opera che non serve a niente»

Ultimi articoli Vedi tutti

Cultura

Politica

Attualità

Attualità