QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 4° 
Domani -2°3° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
mercoledì 23 gennaio 2019

Politica giovedì 27 dicembre 2018 ore 07:43

Il vescovo difende il presepe di don Zappolini

Dopo l'indignazione social di Matteo Salvini per il Gesù bambino nel cassonetto, la leghista Legnaioli ha protestato, inutilmente, a San Miniato



CASCIANA TERME LARI — Il vescovo di San Miniato Andrea Migliavacca sta dalla parte di don Armando Zappolini e del suo provocatorio presepe che vede Gesù bambino fra i rifiuti, nella parrocchia di Perignano di Lari. E' quanto emerge dal racconto della deputata leghista pisana Donatella Legnaioli la quale, in linea con l'indignazione espressa dal segretario nazionale del suo partito Matteo Salvini, ha reputato opportuno protestare personalmente che il capo della curia sanminiatese. Che però non avrebbe accolto né le sue rimostranze né il suo regalo.

Legnaioli ha deciso di incontrare monsignor Migliavacca "dopo una attenta riflessione", "viste le decine, centinaia di sollecitazioni, messaggi e telefonate di tante persone cattoliche, sentitesi offese dalla sceneggiata di Don Zappolini!"

Ma la deputata, che sperava di avere dal vescovo "una risposta da dare a coloro che me la chiedevano", non ha trovato quello che cercava. "Con grande amarezza, però, - ha raccontato la deputata leghista -, il piacevole incontro, accompagnato anche da un mio modesto dono, si è trasformato in una discussione politica contro la Lega di Matteo Salvini, contro la decisione del Sindaco di Cascina Susanna Ceccardi di sgomberare un’area della illegalità come il campo Rom, dove degrado e illegalità erano le uniche parole d’ordine, contro il 'prima gli Italiani' ".

"E’ stato un vero peccato - ha commentato ancora Legnaioli -, molta delusione! Pensavo davvero di trovare una risposta alla vergogna per tanti cattolici che hanno ancora fede nel Vangelo, perché a mio avviso, chi si occupa delle anime e dei fedeli non dovrebbe mai trascendere su questioni che nulla hanno a che fare con la fede cristiana. Il Vescovo ha anche rifiutato il mio presente, ma spero che in un prossimo futuro tutti gli uomini di Chiesa possano tornare ad aprire le porte a tutti, a prescindere dal loro credo politico!  Il Natale è un momento di gioia e felicità: Buon Natale al Vescovo di San Miniato e a tutte le persone di buona volontà!"



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Attualità

Politica