Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:00 METEO:PONTEDERA11°12°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
venerdì 01 marzo 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Minaccia di buttarsi dal balcone per 44 ore. Alla fine lo bloccano così

Attualità giovedì 31 agosto 2023 ore 20:00

La ciliegia di Lari è marchio IGP

Le ciliegie di Lari

La Gazzetta ufficiale dell'Unione Europea lo conferma: la "Ciliegia di Lari" è registrata come marchio di origine protetta: festa per il Comune



CASCIANA TERME LARI — Dopo un iter burocratico non irrilevante, passato dalla fase nazionale a quella europea, la ciliegia di Lari è diventata marchio IGP. Ovvero: il nome "Ciliegia di Lari" è ufficialmente registrato tra le denominazioni di origine protetta e delle indicazioni geografiche protette. A certificarlo, è la Gazzetta ufficiale dell'Unione Europea di oggi, giovedì 31 Agosto.

"Ce l'abbiamo fatta - hanno esultato il sindaco Mirko Terreni e l'assessora alle Politiche per l'agricoltura Chiara Ciccarè - è un giorno importante per la storia di Lari e di tutto il nostro territorio. Ci vediamo riconosciuta a livello europeo la qualità indiscussa della nostra ciliegia, oltre al lavoro attento del Comitato per la Tutela e la Valorizzazione della Ciliegia di Lari e dell'amministrazione, che in questa sfida ha creduto fin dal primo giorno".

Si tratta, però, soltanto dell'ultimo passo di un lungo cammino, avviato nel 2014 e durante il quale il Comune ha stanziato quasi 14mila euro per aiutare i produttori, che fanno appunto parte del Comitato che raccoglie gli imprenditori delle 14 varietà autoctone di Lari, nella complessa fase istruttoria tra analisi complesse e il coinvolgimento di tecnici.

"L'ottenimento del marchio IGP significa valorizzazione di un intero territorio e della sua economia - ha aggiunto Ciccarè - un riconoscimento che lega il nome di Lari alla qualità, unicità e tradizione. Siamo sicuri che il marchio avrà un'importante ricaduta sia in termini d'immagine, sia economici anche a livello europeo".

"Oggi è un giorno di festa per tutti noi - ha detto la presidente del Comitato, Catia Fantozzi - noi produttori ci siamo impegnati al massimo, il Comitato è ormai da 20 anni che protegge, promuove e contribuisce alla salvaguardia di un patrimonio inestimabile come la ciliegia di Lari, un gioiello di biodiversità che va a impreziosire uno dei luoghi più belli e tipici della Valdera".

Esulta anche la Regione, con il presidente Eugenio Giani e l'assessora Alessandra Nardini. "Un successo per le produzioni agroalimentari della Toscana e un riconoscimento meritatissimo per questa speciale qualità di frutto - ha detto Giai - questo riconoscimento si deve all’impegno dell’Associazione dei produttori della ciliegia di Lari, che tra gli associati ha molte aziende guidate da giovani, e che è stato supportato dalla Regione negli anni". 

"Una notizia bellissima, che premia il grande lavoro dell’associazione dei produttori di questo frutto meraviglioso, del Comitato Ciliegia Lari e delle amministrazioni comunali che si sono succedute - ha concluso Nardini - la Regione ha sempre sostenuto questo percorso fin dall'inizio. È una giornata di orgoglio e nuove prospettive per il nostro territorio, che si conferma eccellenza nell’agroalimentare".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Necessario il trattamento per studenti e personale scolastico del plesso di via delle Querce. L'alunno risultato positivo sta bene
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Politica

Attualità