QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 16°32° 
Domani 17°28° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
venerdì 19 luglio 2019

Attualità lunedì 02 ottobre 2017 ore 17:20

Lo ius soli secondo Gelli e don Zappolini

Il deputato pisano Pd e il parroco presidente del Cnca si sono confrontati su legalità, mafia e accoglienza: "Ius soli una priorità della politica"



CASCIANA TERME-LARI — Legalità, lotta alle mafie e ius soli. Sono stati questi alcuni dei temi al centro della riflessione che Federico Gelli, deputato pisano del Partito Democratico, ha condiviso con don Armando Zappolini, presidente di Cnca (Coordinamento Nazionale Comunità di Accoglienza) e sacerdote simbolo dell’apertura e dell’inclusione, durante il loro incontro nella sua parrocchia di Perignano. Un confronto che è stata anche l'occasione per discutere di Terzo settore e del ruolo del volontariato, della lotta alla ludopatia, del rilancio del coordinamento provinciale antimafia, e dello ius soli.

“Lo ius soli è una norma di civiltà che permetterebbe a tante persone, soprattutto giovani, un pieno ingresso nella vita civile e democratica del nostro Paese, favorendo unità, appartenenza e inclusione - ha spiegato Gelli - una risposta necessaria in tempi di muri, paure e inquietudini. È un diritto sacrosanto di oltre 800 mila ragazzi, che se lo stanno vedendo negare con fatti e parole gravi e inqualificabili, indegni di un Paese civile. In poche parole: lo ius soli arricchirebbe e migliorerebbe la società in cui viviamo. E tale dovrebbe essere considerato da tutte le forze politiche presenti in Parlamento. Così purtroppo non è. Dobbiamo lavorare perché torni al più presto una priorità della politica”.

“La legge sullo ius soli è per noi - ha proseguito don Zappolini - come per tante altre organizzazioni sociali e moltissimi cittadini, un discrimine tra la buona politica e una politica che sa solo assecondare paure e risentimenti. Da chi vuole governare il paese ci attendiamo coraggio e la capacità di decidere nel modo migliore. E più giusto. In questo caso, quale sia la cosa giusta da fare è chiarissimo: dobbiamo riconoscere a tanti ragazzi già italiani il diritto a poter vivere nel nostro paese da cittadini, non da semplici ospiti più o meno graditi. Chi ha assunto un impegno pubblico su questo importante obiettivo non si arrenda e vada avanti. Ogni forza politica si prenderà le proprie responsabilità”.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Lavoro

Spettacoli

Attualità

Cronaca