Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:00 METEO:PONTEDERA18°33°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
domenica 14 agosto 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Quando Piero Angela raccontò l'incontro con la moglie Margherita Pastore: «Una scossa elettrica dal primo sguardo, insieme da 66 anni»

Attualità lunedì 19 luglio 2021 ore 10:05

Un appello a Bocelli per chiudere la Grillaia

Una lettera aperta da parte di 46 residenti della zona ad Andrea Bocelli, dove si chiede la chiusura della discarica di Chianni



CHIANNI — Sulla vicenda Grillaia, la discarica di Chianni pronta a riaprire i battenti ( vedi articoli correlati ) si registra un appello pubblico firmato da 46 residenti della Valdera indirizzato ad Andrea Bocelli. 

Una lettera aperta che arriva a pochi giorni dai concerti del "Teatro del Silenzio", che saranno tenuti dal tenore a Lajatico, a pochi chilometri di distanza dal sito.

Ecco il testo della missiva:

"Salve Signor Andrea Bocelli,

le scriviamo da Lajatico, Terricciola, Chianni e altri paesi della Val d’Era come cittadini che si oppongono alla Riapertura della Ex Discarica della Grillaia chiusa dal 1998.

Certamente saprà, della scellerata Delibera 629, 25 maggio 2020 della Giunta Regionale Toscana che autorizza, al fine della Chiusura e Messa in Sicurezza del sito, il conferimento di 270.000 metri cubi di amianto.

Da un anno in zona c’è lotta perché questo provvedimento venga ritirato essendo notevoli le contraddizioni relative allo stato attuale della Discarica ritenuto poco sicuro persino da recenti relazioni Arpat, l’Agenzia Regionale a difesa del territorio, che rivelano situazioni pericolose in quanto, per esempio, nel “campionamento percolato effettuato s’è trovata presenza di elevata carica contaminante.”

Non solo. L’intera operazione è molto dubbia da un punto di vista tecnico poiche’ il peso della montagna di amianto, che verrà conferito, poggerà interamente sulla collina piena di rifiuti e percio’ assolutamente instabile e poco sicura.

Poi va considerato il fatto che l’Amianto non dovrebbe essere buttato in discarica ma inertizzato in appositi impianti all’interno di uno Specifico Piano Regionale che invece, purtroppo, in Toscana non esiste.

Tutte queste considerazioni hanno generato critiche ed opposizioni da parte di una significativa fetta della popolazione locale nonchè di organismi istituzionali come Amministrazioni Comunali, Associazioni Sindacali e di Categoria. ….

Inoltre sono in corso anche due attività di natura giudiziaria: Un Esposto alla Procura di Pisa e di Firenze nonché un Ricorso al Tar.

Lei, probabilmente preso dai suoi impegni artistici, non ha certamente seguito la vicenda da vicino ma le possiamo garantire che il pericolo per la salute della popolazione sarebbe notevole qualora il conferimento cominciasse ad essere effettuato.

E in pericolo oltre alla salute, indiscutibile bene primario, ci sarebbe l’intera l’immagine di un territorio, con i nostri paesi e le nostre colline, che anche grazie alla Sua attività artistica, è ormai conosciuto in tutto il mondo attraendo turisti e famiglie straniere che sempre di più vengono a stabilirsi in zona.

Infine il conferimento di amianto alla Grillaia con il suo alto rischio di inquinamento e di catastrofe ambientale, oltre agli elementi di cui sopra, danneggerebbe pesantemente l’economia di un territorio da vent’ anni ormai convertito ad una intensa attività enogastronomica con prodotti di alta qualità anche della filiera biologica. Per ultimo esiste il fondato pericolo di futuri ampliamenti: la nuova proprietà, interrogata a riguardo, non lo ha mai escluso e sia i tecnici che i politici concordano su quanto oggi sia più facile ampliare discariche esistenti piuttosto che aprirne di nuove. Quindi serio rischio di fine conferimenti mai!!

Queste colline, Signor Andrea Bocelli sono anche l’immagine con cui Lei si presenta al mondo intero, come, oltre naturalmente alla sua voce, un vero e proprio biglietto da visita. E anche per questo meriterebbero di essere da Lei difese.

Per altro la Ex Discarica della Grillaia dista pochi chilometri dalla sua casa natia, in Località La Sterza, e ciò, crediamo, abbia la sua importanza perché lei trovi il modo, quello che ritiene più opportuno, per spendere anche solo poche parole contro la sua riapertura.

Lei è una delle persone più conosciute al mondo e certamente i nostri governanti non sarebbero insensibili ad un suo pronunciamento in questo senso provando a trovare soluzioni senza conferimento di altri rifiuti per la effettiva chiusura e messa in sicurezza del sito.

Per tutte queste ragioni, noi e, ne siamo certi, tantissimi altri cittadini della Val d’Era, Le chiediamo formalmente di esprimersi contro la Riapertura della Ex Discarica della Grillaia.

“Gli artisti sono gli anticorpi che la società ha contro il potere, Fabrizio De Andrè".

Seguono 46 firme.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il Comune ha aderito alla campagna di sensibilizzazione. Appositi cartelli stradali invitano gli automobilisti a fare attenzione
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Adolfo Santoro

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità