QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 17°18° 
Domani 16°22° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
domenica 13 ottobre 2019

Interviste sabato 02 giugno 2018 ore 09:35

Parrella:"Continuare a lavorare per il territorio"

Ilaria Parrella

Round finale delle interviste agli aspiranti sindaci. Il primo cittadino uscente si ricandida e lo fa con la lista civica Santa Maria a Monte Viva



SANTA MARIA A MONTE — Ilaria Parrella, classe 1967, sposata con due figli, architetto. Sindaco uscente. Da sempre residente a Santa a Maria a Monte, è candidata da Santa Maria a Monte Viva, una lista civica appoggiata dai partiti Forza Italia, Energia per L’Italia, Fratelli d’Italia, Nuovo PSI e PSI.

Dopo cinque anni di mandato Ilaria Parrella cerca la riconferma. Cosa ha significato per Lei fare il sindaco?

"Risolvere i problemi che erano sul tavolo da anni: abbiamo consolidato i versanti oggetto di frana, via Repubblica a Montecalvoli e Via Costa a S.Maria a Monte, ristrutturato alcuni plessi scolastici, riqualificato parte di “Piazza della Vittoria”, costruito un nuovo polo socio-sanitario al posto degli degli ex macelli, realizzato progetti per la sicurezza e la viabilità dell'intero territorio, eliminato il vecchio serbatoio a Montecalvoli, ampliati e ristrutturati i cimiteri comunali. Migliorati servizi e diminuite le tasse a famiglie e imprese, aiutate le famiglie in difficoltà e i disoccupati. Santa Maria a Monte sta acquisendo un ruolo importante tra i comuni della zona. Vorremmo continuare a lavorare insieme e proseguire in un'azione efficace di valorizzazione del territorio".

Santa Maria a Monte è un territorio ampio, con diverse frazioni e con varie vocazioni. Come riuscire a tenere insieme tutto quanto?

"Il territorio riunisce più realtà, ognuna con una propria storia e il proprio sviluppo, individuato nel nuovo strumento urbanistico del 2017 che ha definito le varie vocazioni prevedendo nuove aree a verde e a parcheggio, salvaguardando l'ambiente e eliminando le troppe aree fabbricabile previste. Nella zona industriale servono forme d'incentivi, va riqualificata Piazza “2 giugno” a fini ricreativi e sportivi a Ponticelli. Da valorizzare San Donato con la sua vocazione rurale con i percorsi lungo i corsi d'acqua. Centro di aggregazione per la piazza di Cerretti, arricchita con l'acquisizione dei due spazi davanti alla chiesa. I due centri storici da riscoprire con il progetto “SMAM il borgo che vorrei” per l'apertura di nuove attività commerciali e per l'affitti turistici. Per Montecalvoli valorizzazione della sua storia, potenziare le attività al centro Peppino Impastato di Falorni. Anche il completamento della rete di percorsi ciclopedonali sull'intero territorio sarà un ulteriore tassello di connessione dell'intero territorio".

La sosterrà uno schieramento ampio ma non la Lega. Questo un pò le dispiace? E cosa pensa dei suoi quattro avversari?

"Le liste avversarie propongono iniziative fantasiose ma irrealizzabili, non sostenibili dal punto di vista economico. Noi vorremmo continuare a lavorare insieme ai cittadini per decidere il futuro del nostro comune e la valorizzazione delle sue peculiarità con competenza e con proposte realmente fattibili come abbiamo dimostrato di poter fare in questi anni. La Lega non ha accettato la proposta di partecipare alla lista con una rappresentanza come ciascuna delle altre forze politica ha fatto e ha preferito fare un lista insieme a Forza nuova. La Lega ha perso sicuramente un'occasione".

Se verrà rieletta quale sarà la prima cosa da mettere in agenda?

"Continuare a lavorare insieme ai cittadini per il futuro del nostro comune e la valorizzazione delle sue peculiarità con competenza e con proposte realmente realizzabili. A breve termine realizzare Il forum dei giovani per dare spazio a nuove idee, i gruppi di cammino con guide per ampliare i percorsi già realizzati e facilitare l'attività all'aperto e la conoscenza delle bellezze paesaggistiche. Iniziare il progetto per il recupero dell'ex scuole di S.Sebastiano come centro polifuzionale per bambini e anziani, giovani, disabili e cittadini di ogni età e condizione, affinché possano incontrarsi e vivere insieme delle esperienze, interagendo fra loro e col tessuto socio-economico del nostro territorio, con le sue caratteristiche storiche e ambientali".

Alessandro Turini
© Riproduzione riservata



Tag

Di Maio: «No a qualsiasi forma di patrimoniale»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità