QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 14° 
Domani 14° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
mercoledì 13 novembre 2019

Attualità martedì 29 luglio 2014 ore 13:25

​Fecondazione eterologa, la Toscana dà il via libera

La Regione anticipa il Governo e delibera la possibilità per i cittadini di ricorrere alla procedura assistita nei centri pubblici, privati e convenzionati



TOSCANA — Da settembre in Toscana sarà possibile ricorrere alla fecondazione eterologa. Nella giornata di ieri, lunedì 28 luglio, la Regione ha infatti approvato una delibera che permetterà ai propri cittadini di accedere alla procedura che prevede donazione di gameti in ben 22 centri pubblici, privati e convenzionati.

Vietata con la legge 40 nel 2004, sottoposta a consultazione referendaria senza però raggiungere il quorum nel 2005, la fecondazione assistita con donazione di ovulo o seme esterni ad aprile scorso era stata rimessa in ballo dalla Corte Costituzionale che ha dichiarato illegittimo il suo divieto in quanto scelta che rientrerebbe nel legittimo esercizio del legislatore. Così, la Regione Toscana non ha perso tempo e ha approvato una delibera che in qualche modo anticipa l’azione del Governo e getta un ponte fra oggi e quando esisterà una disciplina dell’intera materia.

“La delibera – ha commentato infatti l’assessore regionale al diritto alla salute Luigi Marroni – riempie lo spazio di incertezze che si è aperto dopo la sentenza della Corte. La Toscana ha perciò deciso di intervenire, dettando direttive certe destinate ai centri privati, privati accreditati e pubblici operanti in regione, in attesa delle determinazioni del governo ed evitare un far west in una materia così delicata”.

La delibera approvata intende disciplinare le donazioni, affinché queste avvengano sotto rigorosi protocolli medico-sanitari e in una totale gratuità per scongiurare qualsiasi rischio di commercializzazione dei gameti. Dovranno essere rispettate tracciabilità, anonimato e privacy, e i centri che vorranno effettuare la procedura dovranno autocertificare il rispetto dei requisiti previsti dalla normativa regionale.

Fra i 22 centri autorizzati in provincia di Pisa figurano: a Ponsacco l'ambulatorio Guarnieri, a Pisa il centro medico Esculapio, il centro procreazione assistita Cesco, il Fertility "Pina de Luca" casa di cura San Rossore e l'Azienda Ospedaliero Universitaria pisana. Nelle vicinanze anche la Futura Diagnostica Medica Pma di Empoli, il Crpo di Livorno, il centro procreazione medicalmente assistita ospedale Versilia di Viareggio e l'ospedale San Francesco di Barga a Lucca.



Tag

Matteo Salvini fa l'accento romagnolo mentre visita un'azienda per la campagna elettorale in Emilia-Romagna

Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Attualità

Attualità

Cronaca