Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:30 METEO:PONTEDERA20°33°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
venerdì 30 luglio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
«È la mia ragazza», il coming out di Lucilla Boari

Cronaca lunedì 29 settembre 2014 ore 14:06

Ferro e manganese nelle acque del Bientina

Le sostanze inquinanti sono arrivate fino a Orentano e Bientina. I tecnici Arpat hanno trovato anche sei discariche



BIENTINA — Sversamenti abusivi, Eternit e televisori e altri rifiuti elettronici nel Padule di Bientina, alcuni visibili addirittura da Google Earth. Sono questi i rifiuti, che hanno inquinato il canale Navareccia lungo la via Bientinese e che Arpat ha trovato in sei punti lungo il canale dove si è anche evidenziata una scarsa ossigenazione dovuta forse alla poca circolazione di acqua (questo canale nella zona delle “torbe” è collegato alla rete idrica che si trova ad ovest della via Bientinese attraverso tubi (ture) che scorrono sotto la strada e che solitamente vengono tenuti chiusi). La segnalazione delle sostanze inquinanti era partita dalla polizia municipale di Altopascio lo scorso 15 agosto dopo che alcuni vigili avevano notato molta schiuma e un forte odore di fogna.

Nei giorni successivi i tecnici di Arpat sono intervenuti prelevando campioni di acqua in vari punti ed escludendo che le cause dell'inquinamento fossero riconducibili ad attività industriali e artigiane e a un malfunzionamento del depuratore di Altopascio.

I campioni prelevati lungo il corso d'acqua a Orentano nel comune di Castlefranco di Sotto e nel comune di Bientina analizzati hanno rilevato – dice Arpat - un'acqua di qualità molto scadente con una forte presenza di ferro e manganese. Le indagini di Arpat hanno paventato la possibilità che parte dell'inquinamento sia dovuto allo sversamento abusivo di un'autobotte che potrebbe contenere acque non domestiche.

I tecnici di Arpat hanno poi individuato sei aree, due ciascuna per Castelfranco, Bientina e Altopascio, in cui erano presenti da tempo rifiuti abbandonati e che hanno inquinato il canale.

Le aree nel comune di Castelfranco di Sotto sono vicino all'idrovora la Turbina (Casina d'Isola) dove sono stati trovati rifiuti elettronici e immondizia. L'altra area è vicino all'incrocio tra la Bientinese e Borgovalle dove sono stati trovati rifiuti misti tra cui anche televisori. Nel comune di Bientina invece a cento metri dal ponte Gini sono stati trovati cumuli di rifiuti da demolizione, visibili anche da Google Earth. Ancora a quattrocento metri dal ponte Gini sono state trovate circa venti lastre di Eternit. Ad Altopascio all'interno del canale della Bonifica sono state trovate due zone do vi erano televisori, video e rifiuti elettrici. Arpat ha chiesto alle varie amministrazioni che non erano a conoscenza della situazione di intervenire e rimuovere i rifiuti. 

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Covid, sono in tutto 40 i nuovi casi Covid sul territorio della Valdera. 80 i contagi totali in provincia di Pisa mentre sono 748 quelli in Toscana
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze

Qui Condoglianze - Elenco necrologi

Giovanni Savino

Martedì 27 Luglio 2021
Onoranze funebri
BIASCI Lorenzana Collesalvetti Casciana Terme
Onoranze Funebri


Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Attualità

Attualità