Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:04 METEO:PONTEDERA10°21°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
martedì 19 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Elezioni comunali, il Pd ha vinto ma la battaglia per le Politiche sarà diversa

Cronaca domenica 19 luglio 2015 ore 09:00

Festino in villa, chiesta nuova revoca domiciliari

Gli avvocati dei due ventenni arrestati la scorsa estate hanno presentato un'altra istanza per revocare gli arresti domiciliari



PONTEDERA — A quasi un anno dall'arresto, i difensori dei due ventenni accusati di un presunto stupro di gruppo, forse aggravato dall'uso di sostanze stupefacenti, durante un festino nella villa di uno dei due a Santa Maria a Monte, provano ancora una volta a chiedere la revoca degli arresti domiciliari.

I due ragazzi residenti in Valdera sono stati detenuti in carcere per sei mesi e recentemente hanno ottenuto i domiciliari con la possibilità di uscire solo per recarsi al lavoro, ma con il divieto tassativo di entrare in contatto con persone estranee alla famiglia. Il processo sul caso è iniziato a marzo e, dopo la seconda udienza del 29 giugno scorso, è stato aggiornato al 14 settembre. La sentenza di primo grado non arriverà prima di Natale e quindi, nell'attesa, gli avvocati dei due ragazzi hanno presentato istanza di revoca della misura cautelare degli arresti domiciliari al collegio giudicante del tribunale di Pisa.

Il pm Aldo Mantovani, a differenza di quanto aveva fatto nei mesi scorsi, potrebbe stavolta dare un parere negativo.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Una donna colpita da infarto è stata salvata dal pronto intervento di una pattuglia della Polizia Locale. Successivamente il trasporto in ospedale
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Spettacoli

Attualità

Cronaca

CORONAVIRUS