QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 7° 
Domani 11° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
giovedì 12 dicembre 2019

Attualità sabato 31 ottobre 2015 ore 17:00

"Go home?" le prime parole del camionista liberato

In un post su Fb il 51enne autotrasportare ricostruisce la vicenda e si emoziona per l'affetto ricevuto. Detenuto per un mese per trasporto migranti



CASCIANA TERME LARI — Un mese di frustrazione, lontano dalla famiglia e rinchiuso in detenzione in Gran Bretagna. Il calvario dell'autotrasportatore Furio Fatticcioni si è concluso venerdì 30 ottobre quando, dopo un mese e qualche giorno di soggiorno forzato Oltremanica, ha riabbracciato i suoi cari.

Come accade da qualche anno a questa parte i social network sono stati luogo di sostegno e discussione alla vicenda del 51enne larigiano.

Proprio Fatticcioni ha scritto un post liberatorio venerdì mattina, alle 8,49. Parole vere che ricostruiscono il duro periodo che ha affrontato: Libero,go home,mi piglia x il culo ? No, ha detto prepara la tua roba che vai a casa ! Non ci credo,su queste cose non si scherza ! Non puoi immaginare cosa provi dopo più di un mese di vita rubata a un innocente a sentirsi di nuovo libero. Non c'è una spiegazione e auguro di non provarlo a nessuno, non c'è nemmeno un prezzo da quantificare x cosa ti hanno fatto passare,le manette,la cella nella stazione di polizia,il trasporto nel furgone x detenuti. Arrivi in un mega carcere,immagina in quale stato d'animo, e ti dicono "smile" e te gli rispondi smile una sega,x finire in cella. Ma sai che c'è chi ti crede, la famiglia,gli amici,i paesani pronti a fare riunioni e collette x te,anche i colleghi camionisti pronti a fare collette,la ditta che si muove in tuo aiuto . Sono stato forte fino a ora,ma a vedere tutto l'affetto che avete x me l'emozione mi assale. Un abbraccio a tutti. Furio”.

Anche su Fb infatti, prima dell'epilogo positivo, comparivano decine di messaggi di incoraggiamento e sostegno a Fatticcioni. Adesso che è stato liberato la notizia è stata accolta con gioia, anche sulla bacheca virtuale.

Fatticcioni era stato sorpreso dalla polizia di Dover con dei migranti nascosti nella bisarca del camion. Gli uomini si erano infilati nelle Maserati che il camionista italiano stava andando a consegnare. Per aiutare la famiglia e Fatticcioni si è mosso anche il consolato italiano.



Tag

Mes, Conte: «L'Italia non ha nulla da temere, il nostro debito è sostenibile»

Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

Cronaca

Attualità

Attualità