QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 14°16° 
Domani 16°30° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
martedì 16 luglio 2019

Attualità lunedì 21 marzo 2016 ore 17:30

La Grande Bellezza di Pontedera

L'argine dell'Arno e poi dell'Era, dalla Navetta a Ponsacco, sono più godibili di quelli di Roma



. — Chi ha visto il film ricorda la lunga scena di Toni Servillo che di prima mattina cammina sull'argine in cemento del Tevere? Ebbene: crediamo che da questo punto di vista Pontedera non abbia nulla da invidiare a Roma. I nostri argini, e soprattutto quello che dal ponte alla navetta si snoda prima lungo la riva destra dell'Arno e poi lungo quella sinistra dell'Era fino a Ponsacco, sono infatti una Grande Bellezza - ovviamente prendendo a prestito il titolo del film che ha fatto guadagnare l'Oscar all'Italia - anzi La Grande Bellezza di Pontedera

E se è vero che Roma è Roma e Pontedera è Pontedera, se è vero che non ci sono grandi palazzi e grandi vestigia storiche affacciate su quei sei-sette chilometri di argine dove la natura domina sulla città, proprio la visione naturalistica, la pista ecologica pedonabile e ciclabile, l'ambiente e anche gli scorci di città che si intravedono sono però di primissimo piano. Questo paragone ci viene in mente per la presenza di Toni Servillo a Pintedera con suo recital napoletano al Teatro Era

E poiché quando pensiamo una cosa la diciamo senza temere derisioni (come quando insieme all'amministrazione comunale pensammo che era il momento di riportare la gente sui nostri fiumi, col battello fluviale ma non solo) diciamo che la passeggiata sull'argine dell'Era è paesaggisticamente più bella di quella sul cemento degli argini romani. Si parla, in tutti e due casi, di bellezza anche interiore, che viene dal cuore. 

Ma il fresco estivo della Montagnola - tanto per citare il punto più conosciuto - e il suo clima invernale in certe giornate di ''solicchio" sono un tesoro che non tutti hanno. E che a Pontedera è anche a portata di tutti. Si dirà che sugli argini e sulle rive dei due fiumi c'è qualche escremento di cane di troppo, che d'estate l'Era va in secca e mostra fondali non del tutto pulitissimi come quelli dei fiumi falsi di Gardaland

Ma anche il Tevere mostra le stesse cose (parola di chi c'è stato) e forse peggiori, perché i fiumi pulitissimi, senza un ramo morto o un sacchetto rimasto attaccato a un albero (colpa di noi tutti, intesi come umanità) ci sono anche sul fiume sacro della Grande Roma. 

Il Tevere della grande bellezza su cui cammina, nel celebre film da oscar, Toni Servillo.

Mario Mannucci
© Riproduzione riservata



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Cronaca