QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 21°26° 
Domani 22°33° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
martedì 23 luglio 2019

Cronaca sabato 22 marzo 2014 ore 21:16

Il Movimento 5 Stelle dà voce ai lavoratori Piaggio

Parlamentari 5 Stelle a Pontedera: Rizzetto, Baldassarre, Paglini
Parlamentari 5 Stelle a Pontedera: Rizzetto, Baldassarre, Paglini

I parlamentari del movimento 5 stelle hanno incontrato un nutrito gruppo di lavoratori Piaggio per parlare della loro situazione occupazionale



PONTEDERA — Il futuro della Piaggio, le condizioni di lavoro e dei contratti, la politica della Regione toscana nei confronti dell'azienda motoristica pontederese. Sono questi i temi finiti nel mirino degli attivisti del Movimento 5 Stelle e di cui si è a lungo parlato al Centrum Sete Sois Sete Luas a Pontedera durante l'incontro tra i lavoratori, alcuni sindacalisti e i parlamentari grillini Marco Baldassarre, Walter Rizzetto deputati della commissione lavoro e la senatrice Sara Paglini. Al dibattito hanno partecipato gli attivisti del Movimento Cinque Stelle di Pontedera, ma anche molti lavoratori della Piaggio e sono state denunciate le condizioni di lavoro eccessivamente pesanti a cui sono obbligati i lavoratori Piaggio. “Noi siamo costretti ad impasticcarci per poter andare a lavorare e sopportare il dolore fisico” ha riferito la responsabile della sicurezza. La responsabile della sicurezza infatti ha detto ha parlato dell'insorgenza di molte malattie professionali e che molti lavoratori hanno problemi agli arti superiori a causa della pesantezza dei tempi di lavoro, oppure del fatto che i lavoratori addetti a sballare la componentistica che arriva dall'estero in particolare dal Vietnam e India, spesso sono vittime di malesseri, anche se al momento non c'è un legame di causa effetto dimostrato scientificamente tra le sostanze dell'imballo e i problemi avvertiti dagli operai.

L'altro tema affrontato è stata la questione della delocalizzazione della produzione e il fatto che Piaggio abbia deciso di adottare dei contratti di solidarietà che causano il blocco della assunzioni dei dipendenti e costringendo i lavoratori ad accettare contratti part time verticali. Inoltre altra questione sollevata il fatto che l'azienda nonostante sia in solidarietà abbia deciso di far lavorare in straordinario alcuni lavoratori proprio a partire da questa mattina, sabato 22 marzo a causa dell'aumento di produzione stagionale. Forti critiche sono state espresse da parte dei presenti per l'atteggiamento del presidente della regione Enrico Rossi nei confronti dell'azienda che accede ai contributi pubblici e poi delocalizza la produzione.

Forti critiche son ostate espresse anche nei confronti dei sindacati e delle segreterie dei metalmeccanici accusate d iavere un atteggiamento troppo accondiscendente con l'azienda.

Sulla questione del futuro dello stabilimento dai Grillini sono arrivate varie proposte di riconversione degli impianti per evitare la dismissione come ad esempio aprire nuove linee produttive più rispondenti con il mercato costruendo anche nuovi prodotto e non solo l'attuale produzione. Ipotesi sono state avanzate anche per quanto riguarda il riutilizzo degli spazi urbanistici dismessi dall'azienda nel corso degli anni.

I parlamentari del M5S si sono fatti carico di portare la situazione di Piaggio e soprattutto dei lavoratori Piaggio all'attenzione degli organi di governo e da li iniziare una discussione per il futuro dell'azienda e dei suoi lavoratori.  



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Sport

Cronaca