Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 22:20 METEO:PONTEDERA11°20°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
sabato 08 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Laura Boldrini racconta la sua malattia: «Ho scoperto per caso il tumore: è stata come un'onda anomala che mi ha travolto»

Politica martedì 10 febbraio 2015 ore 18:40

​“Livorno e Pisa possono crescere insieme”

Francesco Nocchi e Lorenzo Bacci

La pensano così i segretari provinciali del Pd Bacci e Nocchi, per i quali con la riforma Del Rio si rischia che la provincia assuma un ruolo secondario



PISA — “Le ricerche Irpet dimostrano che tra Pisa e Livorno, c'è già una fortissima connessione e noi sappiamo bene che solo pensando insieme il futuro dei nostri territori riusciremo a una forte reagire alla crisi e darci nuove prospettive di sviluppo”. Questa la linea dei due segretari Pd di Livorno e Pisa, Lorenzo Bacci e Francesco Nocchi, per i quali, dopo il riassetto istituzionale ridisegnato dalla riforma Del Rio è necessario un profondo ripensamento delle politiche territoriali: “Di fronte a città metropolitane dotate di strumenti forti, tarati su scala nazionale e internazionale – dicono i due segretari – il rischio che la provincia assuma unruolo secondario sullo scenario regionale può essere scongiurato solamente con nuove politiche di area vasta”.

Una politica comune tra i due territori anche in vista delle elezioni regionali e i due annunciano che nelle prossime settimane ci sarà un incontro delle segreterie: “ci coordineremo per affrontare insieme i passaggi amministrativi strategici per il nostro territorio”.

Bacci e Nocchi pensano "ad una comune pianificazione strategica per le aree livornesi e pisane, partendo dalle funzioni che i nuovi statuti delle province dovranno prevedere: un unico sistema dei poli tecnologici della Costa, in cui far crescere nuove imprese e sviluppare ricerca". "Servono infrastrutture all'altezza delle necessità di questi tempi è dei nostri cittadini, con veri collegamenti ferroviari e la risoluzione definitiva del tema della Tirrenica - aggiungono - infrastrutture e servizi da integrare, serve quindi unsistema aeroportualeregionale all'altezza della possibilità di far volare in Toscana i 12 milioni di passeggeri di cui parlano gli studi e un sistema portuale al passo con i tempi: perciò definiremo una posizione comune su Darsena Europa e la possibilità che si affermi a Livorno un solido turismo croceristico".

Secondo Bacci e Nocchi "gli investimenti sulle infrastrutture potrebbero far ulteriormente crescere il turismo: Pisa, Livorno e Lucca debbono integrare maggiormente l'offerta culturale e turistica, sviluppando a pieno le potenzialità che ci sono".

"La nostra zona è determinante per lo sviluppo della nostra Regione - concludono vogliamo per questo lavorare insieme per offrire a partire dalla elaborazione del programma per le prossime elezioni regionali il nostro contributo". 

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Emergenza Covid, mentre la Toscana va verso la terza settimana consecutiva di zona gialla ci sono alcuni territori ancora a rischio
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Cronaca

Attualità