Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:57 METEO:PONTEDERA18°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
sabato 27 febbraio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Covid, a Milano folla sui Navigli nell'ultimo weekend in fascia gialla

Attualità sabato 06 giugno 2015 ore 18:30

L'ottima salute della Pubblica assistenza

Bilancio in attivo dal 2001, servizi e soci che crescono. In questi giorni il rinnovo del Consiglio di amministrazione, nel segno della continuità



PONTEDERA — La Pubblica assistenza di Pontedera è in piena salute e pronta ad occuparsi di voi. Potrebbe essere questo lo slogan che accompagna le attività dell'associazione di volontariato che questa mattina ha presentato il bilancio in vista delle elezioni del nuovo Consiglio d'amministrazione che si stanno svolgendo in questi giorni e che termineranno domani (saranno eletti 17 consiglieri e 3 sindaci revisori, 2100 gli associati aventi diritto di voto).

“Il presidente uscente è Claudio Ciabatti – spiega il presidente del Consiglio elettorale Rigoletto Biasci – è con molta probabilità sarà confermato dai nuovi consiglieri eletti. Abbiamo inviate circa 1700 lettere di invito al voto”.

La continuità dovrebbe essere garantita anche in virtù degli ottimi numeri di cui gode la Pa pontederese: “Siamo in attivo dal 2001, quest'anno abbiamo chiuso il bilancio con 50mila euro, che abbiamo già reinvestito. Dal punto di vista sanitario la nostra offerta si allarga: 50mila interventi diagnostici in un anno (risonanze magnetiche, tac e altri esami), una palestra per la riabilitazione che funziona. E anche i soci crescono, ogni anno tra cento e duecento in più”.

Un'associazione di volontariato che funziona e che non soffre la crisi, anzi. La crescita dei soci e dei servizi è un bel segnale. 

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

CORONAVIRUS

Attualità

Cronaca