Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 22:11 METEO:PONTEDERA17°31°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
domenica 20 giugno 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Tutti condannati per l'omicidio di Desirée

Cronaca giovedì 13 novembre 2014 ore 12:45

​Moria di pesci sull'Usciana, non era inquinamento

A dirlo è l'Arpat che dalle analisi spiega: “Il nubifragio dei giorni precedenti ha ridotto la concentrazione di ossigeno nell'acqua”



SANTA MARIA A MONTE — “Il nubifragio abbattutosi sulla zona nei giorni immediatamente precedenti ha provocato il dilavamento repentino dei terreni e dei fossi campestri che raccolgono le acque meteoriche dei piazzali e delle strade di Santa Croce, Castelfranco e Fucecchio. Acque che, confluendo nel canale Usciana, possono presumibilmente aver abbassato il livello di ossigeno disciolto”. Nessun inquinamento dunque, per i tecnici Arpat la moria di pesci accaduta nel canale Usciana il 21 settembre scorso sarebbe stata provocata dalle forti piogge dei giorni precedenti e dalla bassa concentrazione di ossigeno nell'acqua.

“Dalle analisi compiute dai tecnici di Arpat – spiega l'agenzia in una nota stampa – le acque risultavano molto torbide a causa probabilmente delle forti piogge dei giorni precedenti che avevano smosso il fondo limaccioso del canale stesso, la misura dell’ossigeno disciolto evidenziava concentrazioni ridotte e la conducibilità risultava congruente con i valori del monitoraggio mensile. I risultati delle analisi di laboratorio effettuate – aggiungono – hanno evidenziato per entrambi i campioni l’assenza di tossicità acuta in base al test con Daphnia magna, valori di cloruri, azoto ammoniacale e Cod compatibili con quelli del monitoraggio mensile. Lo screening dei fitofarmaci, inoltre, ha evidenziato soprattutto nel campione prelevato a Ponticelli, la presenza di una serie di principi attivi anche se in concentrazione contenuta”.

Secondo Arpat, proprio i fenomeni delle intense piogge e della riduzione di ossigeno nell'acqua potrebbero aver provocato la sofferenza ittica. “Gli esiti delle analisi – conclude Arpat – saranno inviate all'Asl che, unitamente ai propri accertamenti, potrà fare le valutazioni sanitarie di merito sulle cause della moria”.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Un crollo si è verificato nella serata di ieri con uno sprofondamento di un metro di diametro. Lavori nella notte, carreggiata riaperta stamani
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze

Qui Condoglianze - Elenco necrologi

Francesca Viscariello

Venerdì 18 Giugno 2021
Onoranze funebri
MISERICORDIA Pontedera
Onoranze Funebri


Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Sport

Attualità

Politica