QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 6° 
Domani 12° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
venerdì 13 dicembre 2019

Attualità martedì 30 giugno 2015 ore 16:20

Nasce la Casa della salute, 22 medici di famiglia

Nuovo presidio sanitario in città, aprirà a settembre in via Fleming. Millozzi: "Servizio all'avanguardia". Come funziona, i nomi dei dottori



PONTEDERA — Ventidue medici di famiglia, a disposizione ogni giorno, più altri servizi specialistici.

La sanità a Pontedera avrà un nuovo presidio che è stata presentato oggi, ma i cui servizi inizieranno a settembre, all'inizio per dieci ore al giorno. E' la Casa della salute in via Fleming, nuovo punto di riferimento per la città di Pontedera (simile come funzioni al presidio della Rosa di Terricciola). L'accordo tra i Medici di medicina generale di Pontedera, l'azienda Usl 5 di Pisa e il Comune di Pontedera è stato firmato questa mattina, durante la conferenza stampa in sala consiliare.

Il sindaco Millozzi spiega: “Accordo importante, i primi passi li abbiamo fatti tempo fa insieme a Rocco Damone. Mesi di confronto e discussione. Pontedera è all'avanguardia, ci saranno nuove risorse a disposizione del cittadino. Sono situazioni che non si concretizzano in altri territori. Tutti i 22 medici sono stati coinvolti nel mettere a disposizione parte del proprio tempo per la collettività. Ad esempio potremo snellire i codici bianchi e verdi al pronto soccorso, così come i tassi di ospedalizzazioni”.

Ventidue medici di famiglia a disposizione, ma non sarà un pronto soccorso bis – Uno degli aspetti più importanti sarà la presenza costante dei medici di famiglia, 22, che hanno offerto la loro collaborazione per questo nuovo progetto: “Con la costituzione di questa struttura – dice il coordinatore Andrea Modesti - saremo in grado di fornire sempre di più un prodotto di alta qualità per i cittadini di Pontedera. Ruolo importante di mediazione avuto dal Comune, spero che questa Casa diventi un modello per altri”.

Modesti entra poi nel dettaglio, spiegando il funzionamento: “Il cittadino avrà un'opportunità in più, all'inizio saremo aperti 10 ore al giorno, estendibili in futuro (a regime dovrebbero essere 16 ore, dalle 8 alle 24, sette giorni su sette, ndr). Il paziente nella Casa della salute troverà un medico di famiglia che non sarà il suo ma riuscirà a risalire alla sua storia clinica. Insieme al medico un'infermiera, una Oss.

Non solo medici di famiglia: “La struttura avrà da subito degli specialisti al lavoro. Però è bene precisare che la Casa della salute non è un pronto soccorso, ma una medicina di primo livello. Non abbiamo né la professionalità né gli strumenti. Ad ogni modo servirà a snellire anche il lavoro del pronto soccorso, basta sapere che l'85 per cento delle persone che vanno al pronto soccorso sono codici bassi, bianchi o verdi” conclude Modesti.

La direttrice della Società della salute, Patrizia Salvadori aggiunge: “Al primo piano dell'edificio di via Fleming abbiamo ricavato cinque spazi, ci saranno anche i colori e i cartelli che diversificano i servizi”.

Uno dei medici di famiglia presenti alla conferenza, Roberto Nesi, ammonisce: “Non deve essere un pronto soccorso bis. Vorrei che questo nuovo servizio non fosse caricato di troppo aspettativa, questa operazione entrerà con una certa gradualità”.

Uno dei vantaggi sarà che, attraverso il computer ogni medico avrà di fronte a se la storia clinica del paziente, seppure questo non sia un suo paziente. Anche su questo Nesi chiosa: “Mettere a regime una rete informatica così vasta non sarà semplice e immediato. La Casa della salute non sarà la panacea di tutti i mali”.

Luigi Carlo Caputo, altro coordinatore del progetto annuncia anche un altro importante e innovativo servizio: “Intanto voglio ricordare che questa Casa della salute sarà tra le poche che raggruppa così tanti medici per un'unica città. Altra novità, per la cura delle malattie croniche sarà il Cronic care model, saremo tra i pochi ad averlo”.

Questi i 22 medici che saranno presenti, a rotazione, nella Casa della salute che aprirà a settembre: A.Aragosa, Roberto Bartaloni, S.Batini, R.Caglieri, P.L.Caputo, G.Ceccanti, G.Ciampalini, A.Costagli, C.Del Papa, V.Galloni. A.Lamabardi, F.Severino, Andrea Modesti, L.Modesti, Roberto Nesi, C.Novi, S.Pistolesi, S.Ponzone, P.Sainati, N.Tavella, D.Telleschi, G.Vanni.

René Pierotti
© Riproduzione riservata



Tag

Piazza Fontana, il giornalista del Corriere che era nella banca: «Mi salvò un caffè»

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Lavoro

Cultura

Attualità