Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:59 METEO:PONTEDERA15°26°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
domenica 16 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Due guardie carcerarie prese in ostaggio da detenuti dell'Isis nel carcere di Rostov

Attualità mercoledì 22 luglio 2015 ore 12:30

Neuroni attivati a distanza con un telecomando

Si tratta di una nuova stimolazione wireless non invasiva sviluppata da un gruppo di ricerca guidato dall'Iit di Pontedera e dal Sant'Anna di Pisa



PONTEDERA — Una tecnica di stimolazione wireless basata sull'uso di nanoparticelle e ultrasuoni che permetterà di "accendere" a distanza le cellule nervose. E' questa l'importante sperimentazione sviluppata da un gruppo internazionale di ricerca guidato dal centro di micro-biorobotica dell'Istituto Italiano di Tecnologia di Pontedera e dall'istituto di biorobotica della Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa, che probabilmente avrà importanti sviluppi utili per la cura del morbo di Parkinson, della sordità e per la stimolazione di muscoli.

I promettenti risultati, per ora in provetta e pubblicati sulla rivista Acs Nano, potrebbero infatti aprire la strada a una nuova stimolazione neurale wireless senza elettrodi collegati al paziente.

"Nei nostri esperimenti abbiamo coltivato i neuroni in presenza di nanoparticelle piezoelettriche, capaci cioè di convertire energia meccanica in energia elettrica - ha spiegato il dottorando in biorobotica del Sant'Anna presso l'Iit Attilio Marino -. Per produrle, abbiamo usato il titanato di bario, un materiale biocompatibile e sicuro anche ad alte concentrazioni''.

Una volta a contatto con i neuroni, le nanoparticelle si sono andate a incastonare sulla loro membrana esterna, pronte ad entrare in azione: ''quando vengono stimolate a distanza con gli ultrasuoni, le nanoparticelle si deformano - ha continuato Marino - e convertono questa energia meccanica in un potenziale elettrico in grado di eccitare le cellule nervose''.

Le possibili applicazioni di questa scoperta sono molteplici: la ricerca sul sistema nervoso, le neuroprotesi, il trattamento del Parkinson, la medicina rigenerativa, la stimolazione di altri tessuti eccitabili come il quello cardiaco.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Perde il controllo dell'auto e finisce capovolto senza poter uscire dall'abitacolo: intervengono i Vigili del Fuoco che lo estraggono in sicurezza
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Blue Lama

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Elezioni