QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 11°11° 
Domani 10°13° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
martedì 19 novembre 2019

Attualità martedì 05 maggio 2015 ore 16:50

Nuovo porta a porta in centro, via a giugno

La modifica all'orario di raccolta per impedire cumuli di rifiuti è stata presentata ai commercianti, ma la sala era vuota. Tariffe crescono del 7%



PONTEDERA — La saletta Carpi era praticamente vuota, ma nel primo pomeriggio di oggi in via Valtriani il presidente Geofor Paolo Marconcini, il responsabile servizi ambientali Luca Contini e l'assessore Matteo Franconi hanno comunque esposto ai pochi esercenti presenti e ai rappresentanti di categoria, la piccola grande rivoluzione nella raccolta porta a porta dei rifiuti del centro storico che prenderà avvio dal 15 giugno. Una modifica sull'orario di raccolta che tutelerà il decoro cittadino, ma che avrà anche ricadute sui portafogli dei cittadini.

"Spostando l'orario di raccolta dalla mattina presto alle 8-9,30 - ha spiegato l'assessore Franconi - cerchiamo di impedire quell'accumulo di sacchi della spazzatura lungo le strade del centro storico per tutta la notte. Una modifica - ha aggiunto - che vuole migliorare il decoro cittadino, ma che vada anche in contro alle esigenze dei negozianti. Certo è - ha precisato Franconi - che ci sarà un incremento delle tariffe che prevediamo di aumentare di un 7 o 8 per cento". Incremento che, secondo quanto detto dall'assessore, l'amministrazione ha fatto di tutto per contenere.

Dal Corso e dalle vie traverse, invece che la sera, quindi i mezzi dei netturbini passeranno al mattino, durante le prime ore di apertura delle attività. In questo modo, commercianti ed esercenti non saranno costretti a metter fuori dai loro locali i rifiuti all'orario di chiusura, ma a quello d'apertura, evitando così l'immagine indecorosa di un centro storico invaso dai sacchetti alla sera.

"Ora che il territorio di Pontedera si sta uniformando tutto al porta a porta - ha aggiunto Contini - dobbiamo metter mano all'ormai arretrato sistema utilizzato nel centro storico per cercare di aumentare la percentuale di raccolta differenziata, ferma al 45 per cento quando invece dovrebbe attestarsi intorno al 70 per cento".

Dal 15 giugno quindi, ci saranno due passaggi settimanali per l'organico, il lunedì e il giovedì (frequenze più intense verranno organizzate per utenze particolari). E ancora, l'indifferenziato il venerdì, la carta il mercoledì e il multimateriale leggero il martedì. Per quanto riguarda il vetro, le utenze domestiche potranno conferire nelle campane di vetro sparse sul territorio mentre quelle non domestiche verranno dotate di appositi contenitori.

Contenitori che la Geofor fornirà anche a quelle attività come pub, ristoranti e locali notturni che chiudono dopo la mezzanotte e non aprono certo la mattina alle 8. Queste attività del centro storico potranno esporre i loro rifiuti chiusi in appositi mastelli all'orario di chiusura e gli operatori passeranno a ritirarli alle 6 del mattino.

Altra novità sulla quale il Comune e la Geofor stanno lavorando è quella di istituire degli incentivi ai commercianti che conferiscono nei centri di raccolta. "Dobbiamo scegliere quali utenze non domestiche comprendere, anche se a mio avviso sarebbe meglio limitarsi ai pubblici esercizi e agli esercenti-artigiani - ha commentato Marconcini -, poi se vogliamo mettere un limite di peso e scegliere se dare incentivi sulla base della quantità o del metraggio".

Alla riunione, della quale i pochi commercianti presenti si faranno certamente da portavoce per li altri, si è parlato anche di obiettivi futuri: migliorare il servizio contendo i costi, portare la percentuale di racconta differenziata al 70 per cento entro la fine dell'anno, trattenere gli aumenti (che però, secondo l'assessore Franconi, potrebbero toccare l'8 per cento), diminuire l'indifferenziato e sfruttare il prima possibile l'impianto Tmb appena costruito a Legoli.

Altre scadenze sono che dal 15 giugno spariranno poi anche i cassonetti tradizionali anche dagli ultimi tre quartieri rimasti finora esclusi: Treggiaia, zone Bellaria e Galimberti. Mentre dal 30 maggio entreranno nel calendario porta a porta anche la zona industriale Pip3 e il Chiesino e verrà effettuato un passaggio in più a settimana (il sabato) dedicato agli sfalci e alle potature.



Tag

Bologna, rubano bancomat alle Poste e intascano un milione: 3 arresti

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Cronaca