Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:52 METEO:PONTEDERA14°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
lunedì 22 aprile 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
All’Eredità su Rai1 la frase di Marco Liorni sull'oro alla Patria fascista: «Gesto patriottico». È polemica

Attualità giovedì 13 luglio 2023 ore 14:11

Al lavoro per unire gli acquedotti

Maxi intervento da 5,7 milioni di euro in Valdera. Obiettivo: aumentare la risorsa disponibile e far fronte con più soluzioni ai periodi di siccità



PALAIA — Interconnettere gli acquedotti di Palaia e Terricciola, ad oggi separati e indipendenti l’uno dall’altro, così da aumentare la risorsa disponibile e far fronte, con più soluzioni e meno rischi, ai sempre più frequenti periodi di siccità.  E' questo, in sintesi l'obiettivo dei lavori in corso da parte di Acque spa. I due sistemi idrici spiega una nota del gestore, saranno uniti grazie ad una nuova condotta lunga quasi 7 chilometri, alla quale si aggiungeranno altre opere propedeutiche al collegamento di due centrali idriche mai entrate prima in contatto. 

L'intervento riguarda l'interconnessione delle centrali idriche di La Rosa, nel comune di Terricciola, e di Roglio, nel comune di Palaia. E' il primo lotto di un progetto più ampio, che punta a una ulteriore interconnessione con la centrale di Ponte alla Navetta, nel comune di Pontedera. Oltre a Terricciola, Palaia e Pontedera, saranno interessati dall'operazione anche i territori di Capannoli e Peccioli.

Acque spa entra quindi nel dettaglio dell'intervento. "Nello specifico - spiega il gestore idrico- i lavori prevedono la realizzazione di un collegamento idraulico tra la centrale idrica de La Rosa, a Terricciola, e quella di Roglio, a Palaia, con una tubazione in ghisa sferoidale (materiale che dà ampie garanzie di affidabilità e durata nel tempo) lunga circa 6.700 metri e dal diametro di 250 millimetri. Il tracciato si svilupperà passando per Peccioli e Capannoli: interesserà aree agricole, strade comunali e provinciali. Lungo il tragitto, la nuova infrastruttura incontrerà il fiume Era e il torrente Roglio: per attraversarli, saranno utilizzate tecniche no-dig, come la trivellazione orizzontale controllata, installando così la tubazione nel sottosuolo senza ricorrere a sistemi di scavo a cielo aperto"

L’intervento di Acque, in corso già da alcune settimane, è cofinanziato dall’Unione Europea grazie al Next Generation EU e al Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, così come un ulteriore lavoro “a valle” della centrale idrica La Rosa - pronto a partire nei prossimi giorni - per il risanamento delle condotte in uscita e dirette verso le reti idriche di Terricciola e Fabbrica di Peccioli. L’investimento complessivo ammonta a oltre 5,7 milioni di euro, di cui 3,5 finanziati dall’Unione Europea.

A questi lavori, dal 2024, si aggiungerà infine la seconda parte del progetto per collegare la centrale idrica de La Rosa al sistema idrico di Pontedera, con una maxi-condotta lunga 20 chilometri. L’interconnessione racchiuderà inoltre una serie di opere idrauliche, che coinvolgeranno anche la centrale idrica di Treggiaia. Per questi interventi, attualmente è in corso la stesura del progetto definitivo.

“L’interconnessione di due sistemi fino ad oggi distinti - sottolinea l’amministratore delegato di Acque, Fabio Trolese - rappresenta un primo tassello fondamentale di un percorso che cambierà radicalmente l’acquedotto in Alta Valdera, in un’ottica di sostenibilità e resilienza, diminuendo sensibilmente il rischio di limitazioni nell’erogazione idrica anche in caso di prolungati periodi di siccità, poiché ciascun sistema potrà contare su una ulteriore fonte di approvvigionamento”.

“Da quando nel 2001 abbiamo preso in carico gli acquedotti del Basso Valdarno - sottolinea il presidente di Acque, Giuseppe Sardu - ci siamo posti l’obiettivo di creare una rete idrica globale, prima sviluppando e potenziando i singoli sistemi e poi mettendoli in comunicazione tra loro. Adesso cominciamo a vedere i risultati di questi 20 anni di gestione, con dotazioni infrastrutturali oggi più che mai fondamentali per i nostri territori, destinate a rappresentare la base del servizio idrico per i prossimi decenni, se non addirittura per il prossimo secolo”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Passaggio di testimone tra Spagna e Italia: la prossima edizione sarà a Gijón, ma l'esperienza pontederese potrebbe fare da apripista per il futuro
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Blue Lama

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità