QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 20°29° 
Domani 17°27° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
giovedì 22 agosto 2019

Politica venerdì 12 agosto 2016 ore 06:30

Respinta la proposta di sospendere la Tari

Nico Giusti

L'idea era arrivata dalla lista d'opposizione "Cambiare in Comune" a causa degli aumenti in bolletta, ma non è stata accettata dalla maggioranza



PALAIA — Una sospensione del pagamento di tutte quelle bollette della tassa sui rifiuti. Questo chiedeva la proposta di deliberazione presentata durante il consiglio comunale del 29 luglio scorso dal gruppo d'opposizione Cambiare in Comune, per ovviare all'aumento della Tari, rispetto allo scorso anno, che ha colpito diversi cittadini per svariati motivi fra i quali anche la diversa normativa che impone ai Comuni di recuperare il 100 per cento del costo del servizio.

Proposta, quella di sospendere il pagamento della Tari, che però la maggioranza non ha accettato, rilanciando un'altra idea. "Dalla sua - spiega il capogruppo di Cambiare in Comune Nico Giusti - la Giunta ha pensato di avanzare una controproposta che, nonostante la bontà dei propositi in essa contenuti e potenzialmente condivisibili, non andrà certo a risolvere, o lo farà solo molto marginalmente, le ingenti problematiche derivanti dalle ormai confermate ‘salate’ bollette Tari, i cui vertiginosi importi sono stati innescati dalla mal gestita manovra del piano finanziario e dalla scelta dei coefficienti (riferiti alla parte variabile della tariffa) avvenuta con mano a dir poco pesante".

Per la lista d'opposizione, "per la componente variabile della tariffa, sia per utenze domestiche (in relazione al numero degli occupanti) che non domestiche, l’amministrazione poteva infatti operare una scelta all’interno di una forbice di valori, tra un minimo ed un massimo consentiti, e questa scelta si è riversata su valori per lo più quasi sempre vicini ai massimi, se non pari in alcuni casi agli stessi, con pesanti ripercussioni sul calcolo del tributo".

Secondo la minoranza quindi "un concreto, reale ed equo rimedio a tutti questi casi di sproporzionati aumenti, più che ricorrendo al criterio discriminatorio della fascia Isee come prospettato dalla giunta, poteva essere ottenuto solo andando a rimettere mano sia alle criticità e alle imperfezioni contenute all’interno del piano finanziario, già ampiamente portate alla luce in consiglio Ccmunale e nei precedenti comunicati stampa, sia al relativo regolamento Tari che si è dimostrato lacunoso in merito a diverse casistiche contemplanti alcune ipotesi di riduzioni, alcune su tutte - spiega Giusti - il caso della seconda abitazione non abitata sulla quale il calcolo della tariffa è stato fatto considerando l’intero numero di occupanti del nucleo familiare risiedente nella prima abitazione e il caso della riduzione del 10 per cento per le utenze che praticano il compostaggio applicata solo sulla parte variabile e non su quella fissa, senza che ciò sia ben chiaro ed espressamente riportato nella norma (questo errore vale anche per altre tipologie di riduzione)".

"Nonostante l’azione palliativa messa in atto dall’amministrazione comunale che prevede una riduzione del 15 per cento sulla Tari per quei nuclei familiari con Isee sotto i 15mila euro - concludono dall'opposizione -, permarranno nella loro interezza, per molti dei cittadini del Comune di Palaia, le difficoltà e i disagi economici derivanti da questa maldestra manovra tributaria".



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Cronaca

Attualità

Attualità