Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 14:41 METEO:PONTEDERA13°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
sabato 06 marzo 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Sanremo, l'annuncio ufficiale: «Dopo due Festival così, non ci sarà un Ama-ter»

Cultura mercoledì 06 gennaio 2021 ore 09:54

La giocomostra di Adriano Carnevali

Giocolandia a Peccioli. Mostra virtuale "Giocomostra" di Adriano Carnevali. Dal oggi al 20 gennaio 2021 visitabile on line



PECCIOLI — Dopo le mostre digitali organizzate dalla Fondazione Peccioliper in collaborazione con Cristoforo Moretti tra maggio e settembre 2020, inizia oggi 6 gennaio un nuovo ciclo che durerà fino alla fine di marzo 2021.

Il primo protagonista di una mostra digitale, anzi addirittura di una “giocomostra”, è Adriano Carnevali, definito dal curatore Moretti "Autore raffinato, eclettico, profondissimo, che ha cominciato dall’alto perché se lo meritava: ha fatto parte della leggendaria redazione del Corriere dei Ragazzi, tra Mino Milani e Hugo Pratt, tra Milo Manara e Aldo Di Gennaro, tra Sergio Toppi e Ferdinando Tacconi, giganti capaci di far tremare i polsi ad autori maturi ed affermati".

"Invece il ragazzo Adriano, dopo aver ottenuto la scrittura dell’agenzia Disegnatori Riuniti, altro gruppo di professionisti straordinari, riesce a nemmeno trent’anni a farsi pubblicare una saga storico-umoristica ancora attuale – la Contea di Colbrino, che andrebbe portata nelle scuole – e poi per il Corriere dei Piccoli inventa un intero mondo per bambini (i “clienti” più difficili), quello dei Ronfi, roditori pigri, sciocchini, pasticcioni, che quest’anno festeggiano i 40 anni invadendo il territorio di Peccioli, con giochi, storie ed immagini create da Carnevali appositamente per la giocomostra, con la generosità tipica dei grandi, dei maestri, ma che dico: degli imperatori”.

Adriano Carnevali è nato a Milano nel 1948. Nel 1972 si laurea in Lettere e inizia la carriera di insegnante, ma la abbandona quasi subito per dedicarsi all’umorismo scritto e disegnato. Nel 1973 viene accolto nell’agenzia di umoristi “Disegnatori Riuniti”, del geniale Cassio Morosetti, e nel 1974 inizia la collaborazione con il “Corriere dei Piccoli” e con il “Corriere dei Ragazzi”: per quest’ultimo settimanale realizza la saga “Contea di Colbrino”, ambientata nel Rinascimento. Nel 1981 crea per il “Corriere dei Piccoli” i ronfi, immaginari animaletti del bosco (piccoli roditori tanto saccenti e presuntuosi quanto pigri e sciocchini, dei veri e propri “disadattati della natura”), protagonisti di avventure, nonché di giochi da ritagliare e costruire.

Da allora non smette di creare vignette, strisce e fumetti, realizzare giochi illustrati per periodici di enigmistica, gialli (scritti e illustrati), scrivere racconti umoristici e non. Nel 2007, per l’Editrice Fiesta, dà vita a “Giocolandia”, un mensile per bambini nel quale i ronfi sono nuovamente protagonisti di fumetti e giochi che, con questa giocomostra, sbarcano a Peccioli.

Per visitare la giocomostra è sufficiente andare sul sito della Fondazione Peccioliper a questo link http://www.fondarte.peccioli.net/mostre.phpSarà possibile visitarla dal 6 al 20 gennaio, scorrendo le immagini, ingrandirle in modo da osservarne i dettagli e scaricarla per giocare offline.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

Attualità

Cronaca

Sport