Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:30 METEO:PONTEDERA14°18°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
sabato 01 ottobre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
La drammatica battaglia per l'acciaieria Azovstal di Mariupol vista con gli occhi del soldato-cameraman: le immagini

Attualità venerdì 10 giugno 2022 ore 11:10

"Ripensiamo la Valdera nelle sedi appropriate"

Alessio Barbafieri e Renzo Macelloni

I sindaci Renzo Macelloni e Alessio Barbafieri lanciano un appello agli altri sindaci del territorio per dare nuova linfa alle Unioni dei Comuni



PECCIOLI-LAJATICO — I sindaci Renzo Macelloni e Alessio Barbafieri intervengono, con una nota congiunta, sul tema delle Unioni dei Comuni, riaperto dal sindaco di Pontedera Matteo Franconi. I primi cittadini di Peccioli e Lajatico concordano con il collega pontederese sulla necessità di ripensare l'Unione dei Comuni della Valdera, ma chiedono che sia avviata una discussione nelle sedi istituzionali opportune, coinvolgendo anche i piccoli Comuni e non dimenticando il percorso affrontato fino ad oggi.

Di seguito le riflessioni di Macelloni e Barbafieri.

"L'intervento dei giorni scorsi del sindaco di Pontedera sull'Unione fa capire come sia sempre più necessario affrontare questo argomento. Matteo Franconi, socio rilevante di questa associazione, ha detto che il modo di stare insieme in Valdera va ripensato proprio a partire dall'Unione. Un tema che, partendo anche dalla riflessione di Franconi, ora va affrontato. Abbiamo letto, intanto, anche le reazioni immediate di diversi colleghi sindaci che hanno espresso posizioni già note da tempo.

Pensiamo, invece, che noi sindaci dobbiamo fare uno sforzo di immaginazione per andare oltre il percorso intrapreso fino a ora e le valutazioni che ognuno di noi ha già consolidato. In Valdera, infatti, parte da lontano il processo di collaborazione tra le diverse Amministrazioni Comunali. Questo processo associativo è iniziato spontaneamente più di 20 anni fa tra i 6 Comuni di un’area che allora venne definita Parco Alta Valdera: erano i Comuni di Peccioli, Terricciola, Capannoli, Lajatico, Chianni e Palaia.

Partendo da questa prima esperienza, nel 2009, in un clima giuridico molto cambiato e con una cultura legislativa che imponeva ai Comuni di fare ulteriori scelte associative, il Parco Alta Valdera si allargò a 14 Comuni per diventare l’Unione della Valdera. In seguito, alcuni Comuni sono usciti, altri hanno iniziato e portato a termine un processo di fusione, altri ancora hanno ritenuto più utile collaborare in un ambito un po’ più ristretto e siamo arrivati con una Unione della Valdera ridotta a 8 Comuni e la rinascita, poi, del Parco Alta Valdera con 4 Comuni.

Partendo da questo patrimonio di esperienza e dallo spirito costruttivo di creare una dimensione ideale della Valdera, si ha la dimostrazione che tutte le forme di cooperazione e gestione associata di servizi non hanno reso più efficiente la macchina amministrativa, non hanno permesso dei significativi risparmi dalla presunta ottimizzazione dei servizi e non sono riusciti a dare una risposta adeguata alle necessità dei cittadini.

C'è, dunque, una volontà di stare insieme, che si ricava da questa lunga esperienza, ma a oggi l'incapacità di trovare la giusta forma per farlo e che possa comprendere tutti. Le Unioni, al di là di chi si è trovato ad amministrarle, non si sono rivelate le forme più adeguate di razionalizzazione, ma una nuova forma di burocratizzazione. Indipendentemente dalla responsabilità degli amministratori, anche i report ministeriali su tutto il territorio nazionale, ne evidenziano i limiti e le criticità.

Pur nella nostra convinzione personale che la fusione di strutture burocratiche, e non banalmente la fusione di Comuni, sia la soluzione più auspicabile, ci rendiamo disponibili a valutare altre impostazioni per produrre un progetto politico forte di razionalizzazione in questa Valdera. Progetto, che, per ora non abbiamo ancora visto. Discutere è legittimo, anzi dobbiamo discutere. Ma è impensabile che piccoli Comuni possano fare questo percorso da soli.

Siamo convinti, e siamo certi che non sia solo il nostro punto di vista, che se non siamo in grado, da qui al 2024, termine di scadenza dei nostri mandati elettorali, di avere un'idea di progetto di rilancio anche sulle strutture organizzative oltre che della politica della Valdera, rischiamo di lasciare alla fine del nostro mandato una Valdera meno organizzata di come l'abbiamo trovata nel 2014.

Noi avremmo delle idee da proporre, ma questo dibattito va fatto in luoghi appropriati, dove tutti possiamo esprimerci liberamente e maturare una sintesi comune. Due errori da non commettere nel confronto tra noi sindaci: il primo è quello di rinnegare totalmente il percorso fatto fino a ora, il secondo è quello di pensare che tutto sia perfetto e intoccabile. Abbiamo il vantaggio di essere stato uno dei primi territori a cercare forme di razionalizzazione e collaborazione. Un'esperienza che dobbiamo rendere proficua pensando al futuro. Allo stesso modo, però, difendere tutte le scelte, anche quelle che si sono rivelate errate in passato, non porta alla risoluzione della questione.

Facciamo un appello, dunque, ai nostri colleghi: rendiamo l'esperienza fatta insieme in questi lunghi anni un elemento di forza per ricavare un pensiero nuovo che, nelle forme burocratiche possibili, possa diventare uno strumento che unisca maggiore funzionalità e autonomia dei vari Comuni".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il macchinario era trasportato col rimorchio di un camion quando si è ribaltato in mezzo alla rotatoria di Sant'Andrea a Forcoli, venendo poi rimosso
DOMANI AVVENNE
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze

Qui Condoglianze - Elenco necrologi

Loretta Campani

Venerdì 30 Settembre 2022
Onoranze funebri
MISERICORDIA Pontedera
Onoranze Funebri


Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Politica

Politica