QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 11°15° 
Domani 11°15° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
venerdì 22 novembre 2019

Cronaca giovedì 04 aprile 2013 ore 17:50

Piaggio chiede i soldi ai lavoratori, scatta lo sciopero a sorpresa



Motivo: secondo l'azienda non si sono raggiunti gli obiettivi. Le Rsu: "Ma gli utili ci sono"

PONTEDERA - Sciopero a sorpresa dei lavoratori Piaggio del settore tre e quattro ruote e delle officine motori. A scatenare la protesta e il blocco della produzione in Piaggio alle 15.30 di giovedì è stata la notizia, comunicata ai segretari di Fiom, Fim e Uim, che l'azienda per quest'anno non intende pagare il premio di produzione visto che gli obiettivi, qualità, quantità e fatturato, non sarebbero stati raggiunti. Non solo, la dirigenza Piaggio ha anche fatto sapere che i lavoratori dovranno pagare all'azienda per il mancato raggiungimento degli obiettivi una penale di 750 euro procapite per il settore 2 ruote, 400 euro per i lavoratori del comparto 3 ruote e 177 euro per i meccanici. Alla fine è stato comunicato anche il blocco dei contrattisti a termine per il 2013. "Una proposta inaccettabile e provocatoria" hanno stigmatizzato i segretari della sigle sindacali dei metalmeccanici e le rsu della Fiom. Lo sciopero protrattosi fino alle 17, ha coinvolto secondo i sindacati 1500 lavoratori, 150 per la Questura. Tutta la produzione dello stabilimento di Pontedera si è fermata. Le rsu di Fiom hanno fatto sapere che questa è solo la prima azione di protesta se l'azienda non ritratterà la richiesta e tornerà al tavolo per il contratto integrativo. Durante le due ore di sciopero, che ha coinvolto i lavoratori di due turni, una parte dei manifestanti, dopo aver sfilato davanti alla direzione dell'azienda, ha occupato per una decina di minuti i binari della stazione ferroviaria di Pontedera, bloccando anche l'ingresso in stazione di un treno per alcuni minuti. Secondo i sindacati sui binari vi erano circa 400 persone, per la questura 40. "Lo sciopero per quanto estemporaneo ha coinvolto tantissimi lavoratori. Ma non poteva essere altrimenti vista la proposta inaccettabile della Piaggio. Noi rivendichiamo - hanno detto le rsu aziendali di Fiom - la riapertura del tavolo trattante per il rinnovo del contratto integrativo e soprattutto non siamo minimamente disposti a pagare i soldi che l'azienda vuole trattenere in busta. Infatti anche quest'anno la Piaggio ha distribuito dei dividendi agli azionisti, quindi degli utili creati dai lavoratori. Adesso - hanno concluso i rappresentanti sindacali - o si torna a trattare sull'integrativo - o questa sarà solo la prima manifestazione di protesta a cui ne seguiranno molte altre". Insomma in viale Piaggio si preannuncia una primavera calda sul fronte sindacale dei metalmeccanici. Al momento in Piaggio circa 1500 lavoratori stanno ruotando su un turno di 4 giorni lavorativi, poiché sono scattati già da più di un mese i contratti di solidarietà e quest'ultima proposta dell'azienda sarebbe ulteriormente penalizzante. A questo scenario va aggiunto che l'azienda ha annunciato che per il 2013 non ci saranno contrattisti a termine.


Tag

Mes, Di Maio: «Nessuno scontro con Conte»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Politica

Attualità