QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 6° 
Domani 12° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
venerdì 13 dicembre 2019

Cronaca giovedì 24 gennaio 2019 ore 14:27

La morte di Ivan fu un omicidio volontario

Ivan Tikhomirov

Ne sono convinti i giudici della Corte d'appello di Firenze, che hanno condannato Tomasz Dariusz Warda a 30 anni ribaltando la sentenza di primo grado



PISA — Non si trattò di un incidente ma di omicidio volontario, così ha stabilito la Corte d'Assise d'Appello di Firenze, chiamata ad esaminare il caso della morte del 27enne russo Ivan Tikhomirov, residente prima a Peccioli e poi a Pisa, molto attivo nel volontariato con l'associazione "Unità migranti in Italia", volato giù da un balcone del quarto piano di un condomino di Cisanello il 18 settembre 2016. 

Nell'appartamento, dove viveva un disabile, con Ivan e il disabile stesso c'era anche Tomasz Dariusz Warda, ex militare polacco oggi 41enne, poi condannato in primo grado a 12 anni di reclusione per omicidio preterintenzionale, tramite rito abbreviato.

Ieri la sentenza d'appello, con la condanna di Warda a 30 anni per omicidio volontario, perché per i giudici fiorentini Ivan fu lanciato dalla finestra da Warda e non cadde accidentalmente a seguito di una lite, come stabilito dai giudici pisani.

L'avvocato di Warda ha già annunciato che ricorrerà in Cassazione.



Tag

Piazza Fontana, il giornalista del Corriere che era nella banca: «Mi salvò un caffè»

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Lavoro

Cultura

Attualità