Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:17 METEO:PONTEDERA17°24°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
martedì 25 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Gli Azzurri? Ci somigliano...
Gli Azzurri? Ci somigliano...

Cronaca giovedì 24 ottobre 2019 ore 09:00

Stupro in villa, intesa tra parti e risarcimento

I fatti risalgono al luglio 2014, la sentenza al luglio 2016. La vittima ha ricevuto un risarcimento economico e non sarà parte civile in appello



PISA — I fatti avvennero nella notte tra il 1 e il 2 luglio, in una villa di Santa Maria a Monte.

Come riporta Il Tirreno è stato raggiunto un accordo tra le parti con i due giovani imputati che hanno pagato un risarcimento economico alla vittima. La ragazza non sarà più parte civile nel processo in Corte d'appello, che è in programma nelle prossime settimane.

I due giovani, Edoardo Nieri e Mattia Rizza, erano stati condannati il 15 luglio 2016 a otto anni, con provvisionale di 80mila euro per violenza sessuale di gruppo aggravata ai danni di una coetanea durante il festino nella villa dei nonni di Rizza a Santa Maria a Monte 

Nella sentenza di colpevolezza giocò un ruolo decisivo la superperizia sulla presenza nella bibita del Ghb, una droga che avrebbe fatto perdere i freni inibitori e la coscienza alla vittima.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'appello per ritrovare la giovane è stato lanciato sui social dai genitori e condiviso centinaia di volte in poche ore: i militari sono al lavoro
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nadio Stronchi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Spettacoli

L'EDITORIALE