Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:59 METEO:PONTEDERA15°26°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
domenica 16 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Elodie e Andrea Iannone: bacio in pista a Misano prima della partenza del Gp moto

Attualità venerdì 04 agosto 2023 ore 11:00

Un commissario per demolire la villetta

La sindaca Francesca Brogi

Dalla sindaca Brogi solidarietà alla famiglia: "Non possiamo sottrarci alla sentenza, sorvolo su chi cavalca questa situazione tragica"



PONSACCO — Per il Comune di Ponsacco la sentenza del Consiglio di Stato sulla demolizione della villetta di via delle Colline della famiglia Cerretini è sbagliata. Lo ha affermato la stessa sindaca Francesca Brogi, che ha preso le parti dei residenti.

"La sentenza perché definisce bosco un'area che tutti gli enti
deputati alla pianificazione urbanistica, ovvero il Comune di Pontedera, la Provincia di Pisa e la Regione hanno qualificato come parco della villa Toscanelli - ha spiegato - qui sta il limite della sentenza stessa: nella pretesa di sostituirsi agli enti competenti nella pianificazione urbanistica".

"Il nostro Comune ha rilasciato il permesso a costruire sulla base dei dati riportati dagli strumenti urbanistici degli enti, che definivano l’area in questione parco - ha aggiunto - a seguito della sentenza del Consiglio di Stato i Cerretini hanno presentato al Comune di Ponsacco una richiesta di sanatoria e al Tar la richiesta di sospensione della demolizione, che purtroppo è stata rigettata. Inoltre, ha intimato la demolizione al nostro Comune, che a oggi non ha più alcun potere di iniziativa autonoma, se non quello di rispettare quanto stabilito dalla sentenza".

Le manifestazioni di vicinanza alla famiglia, alle quali si è unita anche l'amministrazione comunale, secondo la sindaca sono però talvolta sfociate in polemica politica. "Fin dall’inizio ci siamo costituiti a fianco dei Cerretini nella difesa del permesso a costruire rilasciato sostenendo che fosse legittimo - ha detto - comprendo lo stato d'animo della famiglia a cui va la mia piena solidarietà, mentre preferisco sorvolare su chi sta tentando di cavalcare una situazione così tragica attaccando l'amministrazione comunale".

"Purtroppo non possiamo sottrarci a ciò che la legge ci impone: la
sentenza prevede già la denuncia nei confronti di tecnici comunali e
amministratori che si siano eventualmente resi responsabili di
omissioni d’atti d’ufficio - ha concluso - del resto è bene sapere che la Prefettura ha già nominato un commissario, che probabilmente ci sostituirà nella demolizione".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Perde il controllo dell'auto e finisce capovolto senza poter uscire dall'abitacolo: intervengono i Vigili del Fuoco che lo estraggono in sicurezza
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Blue Lama

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Elezioni