Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:30 METEO:PONTEDERA14°18°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
sabato 01 ottobre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
La drammatica battaglia per l'acciaieria Azovstal di Mariupol vista con gli occhi del soldato-cameraman: le immagini

Attualità giovedì 10 marzo 2022 ore 19:00

Via Rospicciano, arriva l'ordine di liberazione

Il condominio di via Rospicciano a Ponsacco

Per il "palazzo rosa", noto alla cronaca per molte vicende, arriva la decisione del tribunale. Brogi: "Adesso un progetto per la ridistribuzione"



PONSACCO — Il palazzo di via Rospicciano, nei prossimi mesi, dovrà essere liberato. È questo quanto deciso dal tribunale, che con l'ordine di liberazione impone ai curatori fallimentari di procedere con gli sfratti e porre fine, così, a una questione che nella vita politica ponsacchina e non ha tenuto banco per almeno 5 anni.

"Con questa decisione del giudice l'immobile dovrà essere liberato. Per questo, già da tempo, insieme alla Società della salute Valdera, abbiamo predisposto un progetto utile alla redistribuzione delle famiglie che attualmente vivono nel palazzo - ha spiegato la sindaca Francesca Brogi - un piano che abbiamo condiviso anche con la Regione, che si è resa disponibile a sostenerci attraverso i canali più indicati".

Nel "palazzo rosa" di via Rospicciano, a oggi, vivono circa 50 famiglie. Che, con questa decisione, dovranno abbandonare gli alloggi. "Innanzitutto, faremo una mappatura e un censimento dell'immobile, come già è stato fatto anche in passato, in modo da valutare la numerosità dei nuclei e la presenza di minori - ha continuato - non sarà un procedimento breve, dovremo reperire alloggi e garantire anche il necessario intervento dei servizi sociali, laddove necessario".

"L'obiettivo principale è quello di tutelare le famiglie più fragili e di evitare che altrove si creino dei ghetti come avvenuto a Ponsacco a seguito di una mancata gestione politica della vicenda - ha aggiunto la sindaca - il progetto, infatti, punta su un sistema di accoglienza diffusa su un territorio vasto, facendo leva su una politica di condivisione".

"Per un Comune da solo sarebbe stato impossibile intervenire. Grazie all'aiuto della Società della salute e al supporto della Regione, invece, potremo dare concretezza a questo progetto - ha concluso - è fondamentale non ripetere gli errori fatti in passato: la nostra intenzione è quella di mettere in campo azioni sostenibili per tutti. L’immobile è privato e va liberato per poter essere messo all'asta e venduto, in modo da poter ripagare anche i creditori tra i quali, lo ricordo, c’è anche il Comune di Ponsacco".

Pietro Mattonai
© Riproduzione riservata


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il macchinario era trasportato col rimorchio di un camion quando si è ribaltato in mezzo alla rotatoria di Sant'Andrea a Forcoli, venendo poi rimosso
DOMANI AVVENNE
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze

Qui Condoglianze - Elenco necrologi

Rosina Bianchi nata Gasperini

Venerdì 30 Settembre 2022
Onoranze funebri
MISERICORDIA Pontedera
Onoranze Funebri


Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Politica

Politica