QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 3° 
Domani -4°4° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
giovedì 24 gennaio 2019

Politica sabato 12 gennaio 2019 ore 10:49

Caso Agape, M5s ribatte a Millozzi punto per punto

Il sindaco e presidente della Sds aveva criticato l'intervento dei cinquestelle a sostegno delle proteste dei lavoratori della cooperativa sociale



PONTEDERA — "Subito ed alla cieca, ha preso posizione il Movimento 5 Stelle perdendo irrimediabilmente l'occasione di tacere prima di sapere" aveva commentato Simone Millozzi, replicando alle accuse mossegli dal M5s di Pontedera (vedi articoli correlati). Ma i pentastellati non ci stanno e, con un comunicato, intendono replicare "punto per punto" al sindaco di Pontedera, presidente della Società della Salute zona Valdera.

Questo il comunicato del M5s Pontedera.

"Rispondiamo molto volentieri e punto per punto all’intervento del Sindaco Millozzi in occasione della giornata di protesta degli Assistenti Sociali della SdS zona Valdera.

  1. Da quanto riferito nella lettera aperta inviata alla stampa il confronto tra Amministrazione Comunale era, da tempo, stato richiesto dai lavoratori in sciopero ma non era stato accolto fino a quando tali lavoratori e tali lavoratrici non sono arrivati alla decisione di scioperare e manifestare davanti il Comune .
  2. appare di tutta evidenza che, a questo punto, il Sindaco richieda alla Cooperativa AGAPE di partecipare al confronto
  3. Sul tema posto dai lavoratori relativo alla “svendita dei Servizi Sociali”, che il Sindaco Millozzi rifiuta ritenendolo fuorviante e inappropriato, sottolineando di avere investito moltissimo nei Servizi Sociali, riteniamo necessario fare un pochino di chiarezza: il mantenimento dei servizi ai cittadini e alle famiglie in difficoltà è compito dell’istituzione pubblica e, a nostro avviso, non può e non deve essere delegato a privati o cooperative. Laddove questo servizio sia stato garantito, esso non può essere garantito sulla pelle dei lavoratori. La questione della riduzione delle risorse, che viene utilizzata dal Sindaco come argomento a sostegno delle proprie scelte, non giustifica affatto il ricorso a rapporti di lavoro che rischiano di configurarsi come appalto di manodopera. Merita, infatti, ricordare al Signor Sindaco che solo con la recente convenzione l’Azienda Sanitaria ha deciso di esternalizzare in maniera chiara il servizio alla Cooperativa avendo, fino ad oggi, utilizzato gli stessi operatori della cooperativa sotto una forma contrattuale e organizzativa che potrebbe essere considerata appalto di manodopera. Quindi, a nostro avviso, per risolvere un problema già esistente è stato creato un problema ancora più grande. A nostro avviso, infatti, l’unica soluzione sta nel ricondurre tale personale alla collocazione che è quella propria, e cioè del rapporto di dipendenza con l’Azienda Sanitaria o con i Comuni.
  4. Si ricorda che chiunque lavori per un ente pubblico deve potervi accedere tramite concorso pubblico, ogni altra forma di reclutamento del personale ci appare assolutamente impropria sia dal punto di vista normativo sia dal punto di vista della tutela dei diritti dei lavoratori
  5. Il Sindaco, polemizzando con noi vista la presa di posizione assunta, rimanda pretestuosamente la soluzione al Governo Centrale (“visto che adesso ci siete voi”). Ricordiamo al Sindaco che il problema è stato creato dagli Amministratori della sua parte politica che governa ininterrottamente da decenni, che governa la sanità locale e regionale senza soluzione di continuità, amministratori o manager da loro scelti di non essere stati capaci di trovare adeguata soluzione a tali problemi neanche con i recenti governi “amici del PD”

Detto questo porteremo queste istanza in Consiglio Comunale e ci adopereremo perché venga portata in discussione anche in Consiglio Regionale e alla attenzione del Presidente della Giunta per trovare ogni soluzione utile alla risoluzione di questo problema, a tutela dei cittadini e dei servizi a loro destinati e tutela dei lavoratori".



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Politica

Attualità

Sport