QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 12° 
Domani 9° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
martedì 10 dicembre 2019

Attualità lunedì 18 novembre 2019 ore 19:00

​Ma la 'cassa' dell'Era non ancora c'è

L'Era a Pontedera, domenica
L'Era a Pontedera, domenica

Da diversi anni è stata progettata e finanziata l'opera che dovrebbe far arrivare a Pontedera meno acqua, però siamo fermi all'esproprio dei terreni



PONTEDERA — Il piano regionale per la sicurezza della piana dell'Arno e dei suoi affluenti varato 5 anni fa prevedeva, e, crediamo, prevede ancora, la realizzazione di una cassa d'esondazione in Valdicava che, trattenendo con arginature più idonee di quelle attuali le acque dell'Era in piena, metterebbe in sicurezza zone abitate della stessa Valdicava, Romito e, soprattutto, la città

Ma i 5 anni sono passati e questa cassa d'esondazione non si vede ancora, mentre, a quanto sembra, sono già stati espropriati i terreni su cui la cassa dovrebbe svilupparsi. Per l'opera erano stati stanziati 7 milioni di cui 5 dal governo e 2 dalla Regione e per due volte, visto il ritardo nell'attuazione del progetto, chi scrive ebbe assicurazioni da funzionari regionali che l'inizio dei lavori era imminente. 

Ma siamo alle soglie del 2020 e non si vede niente. Mentre una volta ancora, e per fortuna senza argini rotti come nel '66 ed esondazioni in città, abbiamo visto un'altra paurosa piena dell'Era.

Le casse di esondazioni sono davvero preziose per la sicurezza fluviale, come dimostra quella recentemente creata sul torrente Cascina alla Capannina di Lari, mentre passando all'Arno, ha avuto un grande impatto positivo, ovviamente oltre alle cateratte dello scolmatore, anche la cassa d'esondazione da poco realizzata nel bacino di Roffia di San Miniato. Come ha avuto un buon effetto la deviazione nello scolmatore del canale Usciana che nelle piene portava molta acqua nell'Arno.

Per i perentori 'no' dei rispettivi Comuni erano invece falliti i progetti di due casse d'esondazione dell'Arno nella zona pontederese. Uno nella vasta piana calcinaiola tra la riva destra del fiume (davanti Boccadera che sta sulla riva sinistra) e Montecchio e l'altro nell'ex lago e ora padule di Bientina. Da collegare all'Arno attraverso un canale che vi avrebbe portato le piene.

Mario Mannucci
© Riproduzione riservata



Tag

Evasione fiscale, Mattarella agli studenti: «Fenomeno indecente»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Cronaca