Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:30 METEO:PONTEDERA10°18°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
giovedì 22 aprile 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Clima, Draghi: «Quanto fatto non è sufficiente, dobbiamo invertire la rotta ora»

Politica martedì 01 dicembre 2020 ore 14:30

Centrodestra sferza: "Dite sempre le stesse cose"

Dopo l'annuncio di servizi condivisi tra Pontedera e Peccioli parte una raffica di accuse: "Sono le stesse promesse fatte quasi 15 anni fa"



PONTEDERA — "Ma siamo su scherzi a parte? Come commentare altrimenti la notizia del nuovo tavolo tra i sindaci della Valdera che annunciano progetti per coordinare i servizi e dare risposte condivise ai cittadini. Ma questi signori - così i consiglieri del centrodestra in Valdera, Paolo Bandecca, Rebecca Stefanelli, Matteo Bagnoli, Mattia Cei, Matteo Arcenni, Davide Ranfagni, Debora Sforza, Matteo Martelloni e Nico Giusti - credono davvero che la gente abbia la memoria corta e non si ricordi che i sindaci stanno utilizzano le stesse parole e stanno facendo le stesse promesse del 2007 e 2008, di quando nacque l’Unione Valdera e l’allora sindaco Marconcini si ergeva a paladino della Valdera unita".

"Oggi Franconi e Macelloni come novelli Marconcini lanciano le solite proposte che nel corso degli anni sono risultate fallimentari - proseguono i consiglieri del centrodestra - e come se non bastasse all'assemblea Anci di luglio 2020 alla nostra proposta di superare le Unioni dei Comuni replicò il sindaco di Palaia a nome di tutti i sindaci dell'unione Valdera definendo come ottima e da promuovere l'esperienza dell'Unione Valdera. Ora le cose sono due: o Gherardini dormiva o oggi Franconi e Macelloni scherzano. Unica certezza che a pagare le spese di queste decisioni sbagliate sono stati i cittadini della Valdera. Per noi la Valdera va si unita, ma non certo in questo modo, attraverso proclami e promesse non mantenute non si va da nessuna parte".

"Una amministrazione del territorio che penalizza il cittadino - concludono -, costretto sempre a pagare, conduce naturalmente a un malcontento generale. Come si può credere che chi ha distrutto occupazione, territorio e ricchezza oggi faccia finta di essere il nuovo e proponga un cambiamento? Per noi la Valdera potrà crescere solo attraverso delle azioni innovative, con nuove politiche e con nuove menti pensanti. Bisogna capire che dobbiamo porre un freno all’inquinamento puntando sull’ambiente, non possiamo scordare che abbiamo la più alta concentrazione di discariche della regione senza considerare lo spandimento fanghi. Il nostro territorio si svilupperà solo quando investiremo sulle politiche del lavoro e le amministrazioni smetteranno di aiutare i loro amici, quando finiremo di considerare la Piaggio come un padre padrone del territorio, e faremo rispettare gli impegni sia occupazionali che d’investimento presi dall’azienda. Solo con la realizzazione di infrastrutture serie potremo puntare allo sviluppo, bisogna dire basta alle arterie incompiute o non idonee. Smettiamo di dare responsabilità pubbliche a chi non ha meriti, e non riesce ad amministrare adeguatamente la Valdera.

I sindaci, come Franconi e altri, riempiono le pagine del giornale con belle parole, peccato che la realtà li smentisca. Infatti la situazione della Valdera è molto critica. Il nostro territorio potrà crescere solo se questi signori si separeranno dalle loro poltrone e andranno tutti a casa, capendo così una volta per tutte cos’è il vero lavoro".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
E' scomparso un uomo di 45 anni, molto conosciuto in tutta la zona. Stamani si sono svolti i funerali al Duomo di Pontedera
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

Attualità

Cronaca

Attualità