QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 13° 
Domani 11°15° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
sabato 14 dicembre 2019

Attualità sabato 21 gennaio 2017 ore 14:00

Pontedera multietnica, italiana, pontederese

Progetti di sostegno di lettura e scrittura per bambini e ragazzi figli di migranti. In città ci sono persone che arrivano da cento diverse nazioni



PONTEDERA — Pontedera ha una popolazione stabilmente residente che è composta da persone che appartengono quasi a 100 nazionalità diverse. Il che significa che in città confluiscono storie di 100 Paesi. 

Questo significa anche che qui si parlano almeno 100 lingue diverse e questa è una ricchezza, ma al tempo stesso una piccola Babele, appena le 100 persone di lingue diverse hanno bisogno di intendersi con chiarezza tra di loro. 

Quattro sono le comunità prevalenti ovvero senegalese, albanese, romena e marocchina. Ma ve ne sono anche altre con presenze significative, a cominciare da quella cinese.

Da qui l'idea di sostenere quindi un consolidamento di coloro che partono da 100 lingue diverse per fare in modo che tutti parlino abbastanza bene e che scrivano in maniera accettabile una lingua comune: l'italiano. Magari con sfumature pontederesi. Il che non guasterebbe.

La Rete Bibliolandia e il Movimento Shalom Onlus, gruppo di Pontedera, con la collaborazione della Biblioteca Gronchi di Pontedera e di Senegal Solidarietà, gruppo di Pontedera,ha perciò deciso di organizzare nei prossimi mesi una serie di percorsi di sostegno alla lettura della lingua italiana e alla scrittura rivolti in particolare a bambini e ragazzi di famiglie residenti a Pontedera ma i cui genitori provengono da altre nazioni o continenti. Obiettivo comune che tutti coloro che partono dalla propria lingua conoscano bene anche l'italiano.

Questo perchè i processi di alfabetizzazione e di scolarizzazione forti e ancora di più lo sviluppo della città di Pontedera richiedono che tutti i cittadini e i residenti

Il percorso è volto in particolare a irrobustire le capacità di lettura e di scrittura dei/delle bambini/e e dei/delle ragazzi/e. Si rivolge a tre fasce in età scolare, articolandosi su tre tipologie di percorsi:

Scuola primaria (scuola elementare): primo percorso.

Scuola secondaria di primo grado (scuola media): secondo percorso.

Scuola secondaria di secondo grado (scuola superiore): terzo percorso.

Primo percorso:

Prevede: a) incoraggiamento all'ascolto della lettura e alla lettura, con sostegno all'acquisizione delle abilità fondamentali della lettura; b) sostegno alle abilità fondamentali della scrittura con realizzazione di un testo finale sulla propria esperienza del percorso e incoraggiamento a tenere un diario.

Il gruppo di lavoro si ritrova due pomeriggi alla settimana, dalle 15 alle 17, presso l'Oratorio Parrocchiale S. Luigi.

Il gruppo di lavoro è guidato da un insegnante di scuola elementare in grado di sostenere i ragazzi nella lettura e nella scrittura, da un “lettore” che incoraggerà i bambini alla lettura per circa 15 minuti a incontro, da un “assistente alla scrittura” che inviterà i bambini a tenere un diario. Il resto del tempo sarà dedicato ad approfondire problematiche di supporto al percorso scolastico.

Per i bambini di provenienza senegalese che lo desiderano, il percorso prevede anche l'affiancamento di un giovane senegalese di 15-18 anni, che effettuerà uno specifico tutoraggio sulla lettura e sulla scrittura.



Tag

Voli di Stato, Salvini: "Sempre per incontri istituzionali, non vado in vacanza come altri"

Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

Cultura

Cronaca

Lavoro