comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 14°23° 
Domani 16°23° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
venerdì 05 giugno 2020
corriere tv
Coronavirus, Bersani: «Con centrodestra al governo i cimiteri non sarebbero bastati»

Lavoro sabato 21 marzo 2020 ore 10:15

Piaggio va avanti fra più sicurezza e scioperi

La produzione continua con orari ridotti. Da lunedì anche per gli impiegati, che però non potranno lavorare da casa. Proclamato un nuovo sciopero



PONTEDERA — Nella giornata di ieri l'azienda Piaggio ha illustrato alle Rsu degli impiegati le nuove disposizioni di sicurezza per prevenire i rischi di contagio da coronavirus all'interno degli stabilimenti. Queste nuove disposizioni saranno applicate da lunedì, per quadri e inquadrati: riduzione dei turni con orario 8-12 e 14-16, ridefinizione degli spazi di lavoro per consentire le distanze di sicurezza e sanificazione periodica degli ambienti. Ma non sarà introdotto il lavoro da casa, come invece avevano richiesto i sindacati.

L'azienda ha spiegato che soltanto una minima parte degli impiegati potrebbe svolgere effettivamente il lavoro da casa, ottenendo come risultato una riduzione non tangibile delle presenze in azienda da un lato e una discriminazione di trattamento fra impiegati dall'altra. Una spiegazione che però non ha convinto i sindacati, tant'è che i delegati Rsu degli impiegati Piaggio di Fiom, Uilm e Usb hanno indetto uno sciopero per l'intera giornata di lunedì.

"In Piaggio (multinazionale con stabilimenti in Italia, India, Vietnam, Cina) a Pontedera sono impiegati circa 800 tra tecnici, ingegneri e specialisti dei vari settori. L'azienda ha messo in atto una serie di misure in ottemperanza ai decreti governativi. Ma non basta - hanno commentato dalle appena citate Rsu -. Per tutta questa categoria di dipendenti la richiesta che abbiamo fatto come delegati Rsu, supportati dalle segreterie provinciali delle OO.SS., è stata fin da subito l'attivazione massiccia del lavoro agile (smartworking). Questa modalità di lavoro, favorita e incoraggiata già a partire dai primi decreti del governo per l'emergenza sanitaria, è anche prevista dal recente Contratto Integrativo del Gruppo Piaggio: in questo modo l'azienda avrebbe la garanzia di non fermare molte attività importanti e i lavoratori di non perdere salario, senza mettere a rischio la propria salute e quella della nostra comunità. Purtroppo, dopo una trattativa che è iniziata due settimane fa, oggi la Piaggio ha definitivamente e incomprensibilmente rifiutato di attivare lo smartworking a Pontedera: non capiamo dove stia il
problema".

Lo sciopero degli impiegati si aggiunge così a quello indetto a oltranza e portato avanti per tutta la settimana dai rappresentanti Fiom degli operai, in netta rottura con tutte le altre sigle sindacali - e con la Fiom provinciale - impegnate nel vigilare sulla sicurezza. 

Nella settimana appena trascorsa, tuttavia, non sono stati molti quelli che hanno scioperato, stando a fonti aziendali. La produzione è andata avanti in forma ridotta fra stringenti norme e controlli, sui quali aleggiano mille preoccupazioni per la salute di operai e famiglie. E c'è chi ha avuto modo di restare casa, utilizzando permessi vari. Nel mentre, da alcuni cittadini e forze politiche (M5s e Lega) arrivano appelli affinché Piaggio chiuda. 

Lunedì ci sarà modo di capire se e come Piaggio andrà avanti. Intanto l'Usb si è unita alla Rsu Fiom nel chiamare allo sciopero anche gli operai nella giornata di lunedì.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità