Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 08:22 METEO:PONTEDERA15°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
sabato 17 aprile 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Milano, le notti violente all'Arco della Pace

Attualità domenica 10 maggio 2020 ore 07:00

Da 10 giorni tutti nei parchi

Scoppia il boom, speriamo tutto bene. In settimana si è visto anche un (piccolo) corteo sul corso e forse l'addio alla cecina di via Roma.



PONTEDERA — Siamo arrivati al decimo giorno dalla fine del quarantena, una specie di liberazione, mentre l'inglesismo lockdown non ci piace, e ci siamo abituati alle 'vasche' sul corso, alle passeggiate e corse nei parchi a cominciare dal più grande, i Salici, sugli argini dell'Era e dell'Arno. E così via.

Proprio sull'argine che partendo dal ponte sulla camionabile e dalla passerella arriva al grande ponte di ferro senza arcate, in queste sere abbiamo incontrato una specie di marea di passeggiatori, podisti e ciclisti, giovani, bambini, famiglie e così via, col problema di doversi scansare in continuazione perché lo stradello centrale non ha spazio che per una sola persona alla volta. Speriamo che tutto si risolva bene mentre è scontato che dopo ritiri domestici sarebbe scoppiata la voglia di muoversi. Speriamo, ribadiamolo ancora, che tutto si risolva bene...

Sempre in questa settimana abbiamo assistito anche a un silenzioso corteo sul Corso che partendo dal piazzone è arrivato sotto Palazzo Stefanelli per consegnare idealmente al sindaco Franconi le chiavi di chi ha un'attività, commerciale, e simili, difficile al limite dell'impossibile da tirare avanti in questo tempo di pandemia. Non era un gran corteo dal punto di vista numerico, tutt'altra cosa dai mitici cortei piaggisti dei 4-5 mila partecipanti (qualcuno ricorda quelli del 1983 quando l' azienda mise a cassa integrazione 2300 dipendenti?), ma, insomma un corteo era. Lo avevano organizzato le cosiddette partite Iva, tutte con dei cartelli, distanziati l'uno dall'altro come ormai si deve fare. Con un accenno politico, francamente ci è sembrato che il corteo fosse più partecipato dal centrodestra che non dal centrosinistra, ma, insomma, le grandi difficoltà ad andare avanti sono purtroppo evidenti. E anche il sindaco Franconi le ha riconosciute.

Mentre la prossima settimana potrebbe darci le riaperture di altri settori ancora vietati, compreso le messe nella mezza dozzina di chiese pontederesi, o magari farci i capelli. Vedremo anche questo.

Così come vedremo se dopo vari tentennamenti stavolta chiuderà davvero, o magari subentrerà una nuova gestione, la storica 'cecineria' ora Pucci-Alderigi - una delle circa 50 del comune di Pontedera - di via Roma Nord. Una strada che a volte ha fatto vera concorrenza al Corso. Era nata, la cecina di via Roma, nel 1936, l'anno in cui, il 9 maggio di ottantaquattro anni fa, l'Italia conquistava l'impero conquistando l'Etiopia. E chi sa quanti pontederesi lo festeggiarono o si consolarono con la cecina, piatto povero quanto squisito.

Mario Mannucci
© Riproduzione riservata

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Sono in calo rispetto a ieri i nuovi casi Covid registrati sul territorio. Si assiste a una inversione di tendenza anche sui ricoveri
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità