Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:04 METEO:PONTEDERA10°21°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
martedì 19 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Elezioni comunali, il Pd ha vinto ma la battaglia per le Politiche sarà diversa

Attualità lunedì 16 novembre 2020 ore 12:39

Da Curtatone a Mazzinghi? Vedremo

Piazza Curtatone

Si apre un contenzioso, legale e stracittadino, sulla proposta di Riccardo Minuti di cambiar nome alla storica piazza, che sarà discussa in consiglio



PONTEDERA — E' giusto cambiare nome alla storica e più centrale piazza della città dal 1876 intitolata alla famosa battaglia risorgimentale di Curatone ( 29 maggio 1848) nella quale morirono anche tre giovani studenti pontederesi, Adolfo Bartoli, Giovanni Boldrini ed Eugenio Balbiani, tutti cognomi ancora presenti in città? 

L'interrogativo è aperto mentre, per prima cosa, bisogna chiamare quella piazza, attraversata e divisa in due dal Corso Matteotti (il decumano pontederese), soltanto col nome di Curtatone perché quello di Montanara caratterizza la vicina 'ruga' che dal Corso porta a nord fino al sottopassaggio dell'Era. 

Giovedì prossimo sarà presentata in consiglio comunale la mozione di Riccardo Minuti, supertifoso mazzinghiano e autore di libri importanti per la città. Mozione in cui si chiede, appunto, che venga cancellato il nome di Curtatone e venga sostituito da quello di Alessandro Mazzinghi, il grande campione morto il 22 agosto scorso ed esposto proprio nella storica chiesa che si affaccia sulla piazza. Pare che l'amministrazione e la maggioranza consiliare siano già d'accordo. Comunque vedremo. 

Contro il cambio di nome alla piazza - dove abitano alcune famiglie, compreso quelle sul lato sud dove c'è il monumento al toro, e operano anche una banca, un negozio e il palazzo pretorio - pare che si siano già schierati alcuni residenti, avvocati, commercialisti nonché l' "Istituto del nastro azzurro fra combattenti decorati al valor militare" e l' "Associazione nazionale bersaglieri".

Vedremo, ripetiamolo, cosa succederà mentre è da considerare la legge del 1927 che fissò in 10 anni il tempo prima di intitolare strade, piazze e così via. Legge tuttora esistente e alla cui base c'è - ci sarebbe - il principio secondo cui bisogna aspettare un decennio, appunto, per esser sicuri che l'intitolazione sia positiva. Per la verità, tuttavia, diverse stradine e piazzette cittadine sono state intitolare a personaggi defunti significativi prima dei 10 anni, ma in questo caso non ci sono state proteste.

Come già detto, vedremo cosa succederà giovedì in consiglio comunale. A esempio vedremo come la penserà l'opposizione mentre pare che la maggioranza voglia subito cambiare il nome e magari fare una grande statua a Mazzinghi nella piazza, come richiesto da Minuti, mentre davanti al palazzetto dello sport. ce n'è già una (dello scultore Aiello) piccola ma graziosa.

Mario Mannucci
© Riproduzione riservata

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Una donna colpita da infarto è stata salvata dal pronto intervento di una pattuglia della Polizia Locale. Successivamente il trasporto in ospedale
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Spettacoli

Attualità

Cronaca

CORONAVIRUS