Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:00 METEO:PONTEDERA10°12°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
giovedì 02 dicembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
La vicequestore no vax Nunzia Schilirò e la teoria del complotto: «Hanno rimosso un articolo dal web». Giletti la smentisce

Attualità martedì 21 maggio 2019 ore 09:48

​Il futuro? Ripartire dal vecchio Arno

Il fiume Arno visto dalla Toscoromagnola a Pontedera
Il fiume Arno visto dalla Toscoromagnola a Pontedera

I sindaci di Pontedera, Pisa e Livorno, Millozzi, Conti e Nogarin, concordano che il fiume può e deve unire e rilanciare questa parte della Toscana



PONTEDERA — Il campanilismo che si incrocia tra Pontedera, Pisa e Livorno è al tempo stesso un valore e un impedimento a progettare insieme il futuro. Ma potrebbe essere il vecchio caro Arno, protagonista e artefice di tanti successi economici e culturali (la grande civiltà dell'Arno che ha-aveva concentrato nella sua bassa valle un grande numero di residenti e grandi attività economiche come la Piaggio, la Saint Gobain, le concerie) a tornare in auge con interventi di navigabilità e fruibilità. Necessari dopo aver perso la centralità assoluta nell'800 ed esser passato in seconda o terza fila con la seconda guerra mondiale. Una rinascita turistica ma non solo.

Su questo tema si sono trovati d'accordo, e lo hanno scritto nelle rispettive prefazioni del libro della Fondazione Piaggio "Vallis Arnis-Arno Valley" (una definizione latina e una inglese per accostare passato e futuro), tre sindaci espressione di altrettante politiche oggi diverse. Simone Millozzi, Michele Conti e Filippo Nogarin. Tutti e tre convinti che le specifiche caratteristiche delle tre città possono contribuire a fare di questo "triangolo" un punto ancor più importante per il terzo millennio appena cominciato.

E così Millozzi ha citato il battello fluviale Andrea da Pontedera, che in 10 anni ha portato sul fiume quasi 40 mila persone, come esempio di un inizio di lancio-rilancio dell'Arno non solo ristretto alla zona di Pontedera, e lo scolmatore che oltre alla sua naturale funzione potrebbe averne altre sia commerciali che turistiche. E nell'intervento di Conti si sottolinea soprattutto l'importanza del rimato collegamento dell'Arno col porto di Livorno attraverso il riattivato incile e il canale dei navicelli, mentre Nogarin ha paragonato l'Arno Valley alla Silicon Valley ricordando l'importante funzione di accesso al mare che caratterizza Livorno.

Il convegno e il libro sono un'iniziativa del presidente dell'attivo e appassionato presidente della Fondazione Piaggio, Riccardo Costagliola, mentre il libro, che parte dalla storia per arrivare al presente e al futuro, è a cura di Maria Luisa Ceccarelli Lemut, Frabrizio Franceschini, Gabriella Garzella e Olimpia Vaccari, con interventi di vari studiosi. Al convegno è intervenuto anche la vicepresidente della Toscana, Monica Barni, che ha sostenuto le tesi del rilancio del fiume su cui si è basata la grande civiltà di questa parte della Toscana

Mario Mannucci
© Riproduzione riservata

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Un gesto da chiarire da parte di un 66enne, che davanti alla caserma di via Lotti assalta prima un militare e poi un altro. Con sé aveva tre coltelli
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

CORONAVIRUS

Cronaca

Attualità