comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 22°31° 
Domani 22°36° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
sabato 08 agosto 2020
corriere tv
La Gaiola, da discarica abusiva a riserva marina

Cultura venerdì 07 aprile 2017 ore 17:20

I robot riciclati entrano in libreria

Le creazioni di Andrea Locci

L'artista Andrea Locci svolgerà laboratori per bambini con materiali di scarto. Un ponte per collegare la fantasia alla fantascienza. L'esposizione



PONTEDERA — La Libreria Roma, con il patrocinio del Comune di Pontedera, ospita dall'8 aprile al 6 maggio Robook un'invasione della terra e altre storie di fantascienza raccontate da creature costruite con vecchi attrezzi di cucina e da lavoro.

"Dall'ottobre di quest'anno la Libreria Roma ha aperto un nuovo spazio dedicato alla grafica e all'arte - spiega Chiara Argelli, libraia - così mi è venuto in mente di cercare artisti e illustratori, che avessero la voglia di coinvolgere i luoghi della libreria trasformandoli in un ponte, che trasporti il lettore nel mondo del fantastico, in modo da rafforzare le parole con le immagini".

"Parlando con amici sono entrata in contatto con dei bravi artisti, e Carlo Alberto Arzelà mi ha suggerito il nome di Andrea Locci. L'intento è di dare l'opportunità di sognare ai bambini, agli adulti che si sentono bambini e alle persone che hanno fatto della creatività il loro modo di essere".

"Daremo la possibilità in questo mese, per due volte la settimana, di vivere la creazione artistica insieme ad Andrea con laboratori di creazione di robot e city fantastiche. Pontedera è la città dei motori e dei robot, noi diamo il nostro contributo come presidio culturale".

Andrea Locci è nato a Busto Arsizio nel 1970, ma risiede e lavora a Calci. Da tempo esprime la sua arte attraverso il mondo del riciclo ridando senso e vita a migliaia di oggetti che raccoglie e custodisce nel suo laboratorio. Legni usurati e tarlati,metalli arrugginiti e corrosi dal tempo,oggetti comuni rifiutati sono “materia viva” che diventano lo sky-line dei suoi grattacieli ,vecchie moke da caffè saranno i suoi robot e camere d’aria creano il volto di tribali divinità.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Attualità