QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 16°16° 
Domani 12°20° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
lunedì 23 settembre 2019

Attualità giovedì 29 dicembre 2016 ore 15:00

Il fotografo meccanico

Simone Helmut Rocchi, 43 anni

Simone Rocchi ha lavorato per anni come fotografo di scena e ai concerti, poi la crisi e l'immagine che ritorna passione dentro un'officina



PONTEDERA — Chiave inglese in una mano e macchina fotografica sempre vicina per immortalare un gioiello d'epoca oppure un particolare di un'auto come la scritta Abarth o i riconoscibili fanali delle Volvo Station Wagon.

Simone Rocchi, Helmut come d'arte in onore di Helmut Newton, ha 43 anni e da un po' di tempo ha preso in gestione un'officina insieme a un cugino, dopo aver lavorato per undici anni come fotografo. Dagli scatti ai bulloni, per colpa della crisi: "Non mi sono improvvisato meccanico, sono cresciuto in mezzo alle automobili, mio padre ha sempre fatto il meccanico, ha avuto un'officina per 50 anni ed è andato in pensione nel 2013. L'esperienza principale l'ho fatta con lui, le basi le devo a lui, andavo ancora alle medie e già passavo ore con lui a guardare e ad aggeggiare con i motori. Dopo le superiori ho lavorato con lui per qualche anno e la sera facevo il barman all'orologio nei fine settimana. Ma senza mio cugino/socio non avrei potuto fare questo passo, serve esperienza certificata in questo campo e lui l'aveva, avendo fatto il capo officina per svariati anni in due concessionarie di Pontedera".

Tra una Golf gti del 1986, una Bedford 1981 e una Traction Avant Citroen del 1949 ("Le auto più belle su cui abbiamo lavorato") Rocchi ha proseguito nel raccontare i suoi mestieri legati questa volta alle due ruote: "Nel 1996 sono entrato alla Piaggio, nel reparto sperimentale, facevo il collaudatore sui prototipi. Sono rimasto in sella ai motorini fino al 2002".

Anno in cui arriva una telefonata importante: "La passione per la fotografia - ha spiegato Rocchi - era già sbocciata intorno ai 20 anni, dopo il militare. Mentre lavoravo alla Piaggio conobbi Luca Silvi (che ha un noto negozio di fotografia in città, ndr), aveva bisogno di un collaboratore e non ci pensai troppo, erano altri tempi, la crisi del mondo del lavoro era lontana, quindi mi licenziai e cominciai a lavorare con lui. L'esperienza da Foto Silvi è durata 11 anni, facevo servizi fotografici di ogni tipo compresi i matrimoni. Durante questi anni ho avuto anche l'occasione di collaborare con un'agenzia fotografica inglese per fotografare live show di molti artisti italiani ed internazionali come Sonic Youth, Interpol, Siouxsie, Editors, Afterhours, Marlene Kuntz".

"Poi è arrivata la famigerata crisi, l'esperienza con Foto Silvi si è conclusa nel 2012, ho continuato a fare solo il fotografo come free lance, ma la mia situazione familiare, abbiamo due figli, non consentiva questo tipo di lavoro, non avevo mai la sicurezza economica".

La necessità di inventarsi nuovamente è una sorta di ritorno al passato: "Nel 2015, a maggio, parlando con mio cugino che aveva voglia di cambiare, abbiamo deciso intraprendere questa nuova avventura, un meccanico che conoscevo andava in pensione, aveva una bellissima officina, grande, super attrezzata per fare qualsiasi cosa, ci siamo infilati nella burocrazia intrigata italiana e nel giro di qualche mese siamo riusciti ad aprire, fortunatamente le cose non vanno neanche male".

In altre officine sistemare auto è solo lavoro mentre in quella di Rocchi ha un tono poetico, grazie al suo colpo d'occhio e ai suoi scatti: "Sono passati quasi due anni, faccio il meccanico, mi diverto, lavoro molto anche su auto d'epoca, che amo molto di più delle auto moderne, c'è molta più soddisfazione a far ripartire una macchina del 1979 che non va. La fotografia naturalmente fa sempre parte della mia vita, spesso porto la macchina fotografica a lavoro, una Nikon D610 e quando non ce l'ho scatto col telefono, visto che ormai fanno foto decenti, ogni tanto non disdegno la pellicola, ho parecchie macchine fotografiche di 40 anni fa e non voglio farle arrugginire".

Una galleria di 15 foto scattate da Rocchi nella sua autofficina è visibile nella fotogallery: "La passione è tornata ad essere solo una passione, fotografo quello che voglio, quello che mi piace, i momenti che mi interessano, senza dover rendere conto a nessuno, è solo per me, come forse dovrebbe essere".

René Pierotti
© Riproduzione riservata



Tag

Conte: «Fisco iniquo e inefficiente, serve riforma»

Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

Sport

Attualità

Attualità