QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 12°23° 
Domani 13°19° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
sabato 25 maggio 2019

Attualità martedì 15 novembre 2016 ore 15:00

Il parcheggio si paga con lo smartphone

Il direttore di Siat paga con carta di credito

Grazie a un'app è possibile evitare il parcometro e mettersi in regola attraverso internet. Attivati anche i pagamenti con carta di credito



PONTEDERA — Mancano gli spiccioli nel portafogli? Niente paura, da oggi sarà possibile pagare il parcheggio utilizzando un'app sullo smartphone o inserendo nel parcometro la propria carta di credito. "La città diventa sempre più smart" ha annunciato trionfalmente Massimiliano Nassi, direttore generale di Siat, la società che gestisce il pagamento delle tariffe nei parcheggi di Pontedera.

Le due grandi novità sono già attive sul territorio comunale. La possibilità di utilizzo delle carte di pagamento va incontro a una direttiva del Governo inserita nella legge di stabilità 2016, secondo la quale i Comuni sono tenuti a offrire al cittadino la possibilità di pagare tramite Pos: sono 11 le postazioni che offrono tale servizio, situate nelle principali piazze e vie del centro; fra queste ci sono via Dante, piazza Garibaldi, piazza del Duomo e piazza Martiri della Libertà (piazzone). La mappa completa dei parcometri con abilitazione Pos è consultabile nell’apposita sezione del sito internet di Siat.

"Siamo partiti un anno fa mettendo i Qr code sui posti per i disabili - ricorda Nassi - ora parte il sistema di pagamento online attraverso il portale con PayPal o carta di credito: un passo avanti per rendere Pontedera una città ancora più smart".

L’app Orange Parking è scaricabile gratuitamente su Google Play o Apple Store. "Le due innovazioni vengono incontro alla necessità di offrire ai cittadini un servizio moderno e al passo con la più avanzata tecnologia - ha commentato il sindaco di Pontedera Simone Millozzi. - Da sottolineare - ha aggiunto il sindaco - che a Pontedera tutto questo sarà a costo zero per il cittadino, nel senso che usufruire di queste modalità non comporterà un aumento delle tariffe, come avviene invece altri Comuni".

In altre parole, che si paghi con la tradizionale monetina, con carta di credito o tramite l'applicazione, la tariffa non varia. Orange Parking è una procedura integrata nella Suite Orange Button e relativa al pagamento dei parcheggi con l’utilizzo dello smartphone, di ogni altro dispositivo di tipo mobile ma anche in desktop e quindi con l’utilizzo di un normale computer.

Questo grazie al fatto che l’applicazione è sviluppata come web-app consentendo l’accesso da ogni tipo di device a prescindere dal sistema operativo utilizzato.

La procedura prevede la creazione di un borsellino elettronico personale da ricaricare con varie modalità di pagamento selezionabili di volta in volta in relazione alle preferenze: con carta di credito senza addebito di commissioni. La transazione verrà effettuata tramite paypal o istituti di credito per cui nessun riferimento della carta verrà registrato.

Dal borsellino elettronico saranno detratti gli importi dei consumi effettuati per parcheggi in relazione al tempo effettivo di sosta utilizzato. Una novità, questa, che consente al cittadino di evitare corse all'ultimo minuto o pagamenti eccessivi per timore di prendersi una multa.

E se da una parte si garantisce il tempo effettivo, dall'altra un ulteriore elemento va al vantaggio del cittadino: "Quando sta per scadere il tempo di sosta - hanno spiegato gli sviluppatori del progetto - il cittadino riceve automaticamente un messaggio sul cellulare. E lui, dovunque si trovi, può estendere l'orario di sosta senza dover raggiungere la macchina".

Massimiliano Nassi, direttore Siat, ha aggiunto: "Quando uno paga il parcheggio può richiedere la fattura premendo un tasto, anche una volta a casa, perché il telefono registra lo storico delle soste effettuate in giornata". Già si vedono in centro i cartelli con i Qr code per scaricare la mappa degli undici punti pos (attivi da stamattina) e per scaricare la nuova app per il pagamento su smartphone. 

Sul fronte delle sanzioni è intervenuto il comandante della polizia municipale Michele Stefanelli: "I vigili verificheranno il pagamento della sosta attraverso la targa per via telematica nel caso in cui non sia esposto il biglietto". Dunque, se si paga via app, nessun biglietto dovrà essere esposto. La sanzione scatterà nel caso in cui la sosta dovesse essere scaduta o il proprietario avesse spostato l'auto in una zona con tariffa oraria differente rispetto a quella dove era stata pagata.

Stefanelli aggiunge: "Un fascicolo elettronico della contravvenzione sarà comunque consultabile dal trasgressore". Insomma, anche i documenti e le multe diventano Smart. Per utilizzare l'app è sufficiente creare un proprio account, inserire il numero di targa dell'auto, la via e l'ora di inizio e fine sosta.

Per attivare i Pos Siat ha investito circa 18mila euro.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Lavoro

Attualità

Cronaca