Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:00 METEO:PONTEDERA14°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
lunedì 04 marzo 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Visti ai russi: la risposta del presidente ucraino Zelensky

Attualità martedì 22 novembre 2022 ore 19:00

La mano robotica alla ricerca di volontari

La mano robotica

L'Istituto di Biorobotica del Sant'Anna è pronto a testare la mano su persone con amputazione. Cipriani: "Siamo nella fase finale del progetto"



PONTEDERA — Il passo in avanti è fatto: l'Istituto di Biorobotica della Scuola Superiore Sant'Anna, di viale Rinaldo Piaggio, è pronto a far partire i primi test su persone con amputazione a livello del polso o dell'avambraccio per la mano robotica.

Si tratta della conclusione del progetto Myki, finanziato dal Consiglio europeo per la ricerca tramite un Erc Starting Grant, un finanziamento dedicato all'avvio di un nuovo programma di ricerca. Che, in questo caso, riguarda lo sviluppo di una protesi robotica di mano i cui movimenti sono controllati in maniera naturale e intuitiva attraverso un sistema di interfaccia macchina-persona che prevede l’impianto di piccoli magneti.

"Siamo entrati nella fase finale del progetto - ha commentato Christian Cipriani, direttore dell’Istituto e coordinatore del progetto - stiamo cercando un volontario che riceva in via temporanea il primo impianto al mondo con queste caratteristiche". L’impianto verrà realizzato presso l'Azienda ospedaliera-universitaria pisana, grazie alla collaborazione di un team coordinato dal dottor Lorenzo Andreani di Ortopedia e Traumatologia 2.

"La nostra mano robotica è dotata di attuatori e di sensori. Gli attuatori consentono di muovere le dita della mano mentre i sensori di forza e di posizione sono utilizzati per restituire percezioni tattili all’individuo - ha spiegato Cipriani - attraverso dei piccolissimi magneti siamo in grado di monitorare il livello di contrazione dei muscoli residui di un arto amputato durante un’azione motoria e conseguentemente di muovere il pollice, l’indice, le ultime tre dita e l’opposizione del pollice di una mano robotica".

Decisivo, dunque, sarà individuare un volontario che permetterà di valutare l'efficacia della mano per la vita di tutti i giorni. "Fino a oggi i risultati sono molto promettenti, abbiamo imparato a controllare diversi gradi di libertà di una mano robotica in laboratorio - ha concluso - adesso siamo nella fase finale".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

La nuova mano robotica della Scuola Superiore Sant’Anna è pronta per essere testata
Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il gruppo consiliare di Terricciola SiCura chiede di intervenire contro gli abbandoni: "Si creano disagi ai cittadini e viene meno il decoro"
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Blue Lama

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

STOP DEGRADO

Attualità

Attualità