QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 15°21° 
Domani 15°24° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
domenica 16 giugno 2019

Attualità sabato 09 febbraio 2019 ore 17:30

Le prime immagini delle case del cohousing

"La Casa degli alberi" è un progetto che vede coinvolte una 25ina di persone che andranno a vivere in un borgo condiviso alle porte di Pontedera



PONTEDERA — Le foto che potete vedere in questo articolo si riferiscono al terzo incontro di co-progettazione del gruppo di cohousing Casa degli alberi, che si è tenuto nelle settimane scorse al centro Poliedro.

Il passo precedente decisivo per entrare in questa fase di progettazione era stato compiuto nella seduta del consiglio comunale di Pontedera del 31 luglio 2019, quando era stata approvata l'adozione del piano di recupero del terreno acquistato dalla cooperativa Casa degli alberi.

Di questa cooperative fanno parte alcune famiglie (circa 25 persone) che hanno deciso di andare a vivere insieme in un borgo in legno che avrà spazi condivisi.

Il terreno su cui nascerà questo borgo si trova sopra La Rotta. Cliccando qui si possono vedere le foto che scattammo all'area circa tre anni fa, quando le famiglie lo avevano appena acquistato.

Di questo progetto di cohousing ne abbiamo parlato lungamente in passato e gli articoli sono visibili qua sotto, tra i correlati, oppure cliccando qui.

Per l'approvazione del piano preliminare ci sono voluti circa 18 mesi. I tempi per l'ok sul progetto esecutivo dovrebbero essere minori. Questo lascia supporre e sperare che i lavori inizino nel corso del 2019 o al massimo nel 2020.

Il cohousing nasce su un terreno di oltre quattro ettari che è stato acquistato da sei famiglie. L'estesa porzione di terra si trova alle porte di Pontedera, tra la Rotta e Castel del bosco. Immersa nel verde ma vicino al centro, questa la conditio sine qua non imposta da tutti i componenti del cohousing che lavorano, tutti, nelle vicinanze di Pontedera. Il progetto prevede unità abitative separate per ogni famiglia, gli spazi condivisi potrebbero essere una sala poliedrica con biblioteca, una lavanderia, una cucina e alcuni magazzini.

René Pierotti
© Riproduzione riservata



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Politica

Attualità

Politica