QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 18°32° 
Domani 18°31° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
lunedì 19 agosto 2019

Politica giovedì 27 giugno 2019 ore 07:35

"Non si svenda la sanità"

Il partito della Rifondazione Comunista interviene sulla questione della sanità pubblica esortando a "Non abbandonare i lavoratori"



PONTEDERA — "All’entrata dell’ospedale “Lotti” di Pontedera sventolano le bandiere della RSU in lotta per denunciare e chiedere provvedimenti urgenti per la cronica situazione di carenza di personale sanitario. Situazione che puntualmente si aggrava durante il periodo estivo quando i problemi si amplificano per le dovute ferie e si assommano alle mancate sostituzioni non coperte durante l’anno", spiega il Prc.

"Lo stato di agitazione, e l’eventuale successiva dichiarazione di sciopero, riguardano tutte le sigle sindacali di fronte ad una proposta dell’azienda sul fabbisogno della personale ritenuta insufficiente a far fronte alla storica carenza di organici, non solo infermieri e personale OSS ma anche personale tecnico e amministrativo.

Il problema investe tutte le tre Aziende Sanitarie regionali di Area Vasta ma in particolare la Nord Ovest nella quale, proprio in questi giorni, è stato dichiarato, da parte delle RSU del personale infermieristico e degli OSS, lo stato di agitazione per affrontare nell'immediato le criticità derivanti dalle carenze di organico in tutti i servizi e, in particolare per quanto riguarda l’ex ASL pisana, i presidi ospedalieri di Pontedera e Volterra.

Tenuto anche conto che nella nostra Regione, gli organici dei vari reparti ospedalieri, compreso quello del nostro presidio (nonché i servizi territoriali) risultano sistematicamente carenti e il personale si trova spesso costretto a rientri nei giorni di riposo, proseguimento del turno di lavoro oltre l’orario previsto, accumulo di ferie arretrate, al fine di garantire, sempre con più fatica, l’attività e un’adeguata qualità dell’assistenza ai cittadini. E’ praticamente dal novembre 2018 che non si sono avuti più nuovi ingressi attraverso le graduatorie concorsuali e gli unici ingressi, spesso con contratti a tempo di personale “interinale”, non sufficienti a compensare le uscite. Anche le nuove assunzioni programmate per il 2019, comunque insufficienti, non hanno alcuna certezza di concretizzarsi in tempi accettabili.

Il circolo PRC di Pontedera oltre a rinnovare il proprio sostegno e la solidarietà ai lavoratori in lotta ha sollecitato i Consiglieri del Gruppo regionale Sì Toscana a Sinistra a interessarsi della questione con la presentazione di un’interrogazione urgente, che oggi è stata depositata agli atti, all’assessore alla sanità per sapere quali azioni intende intraprendere per dotarsi di una programmazione sul personale in un’ottica di prospettiva e non solo emergenziale e per quanto riguardano le criticità di personale all’interno dell’ASL Toscana Nord, compreso il presidio Lotti di Pontedera, quali provvedimenti urgenti intende attivare, in particolare per quanto riguarda la carenza di personale infermieristico, OSS e tecnico, al fine di garantire i livelli assistenziali ai cittadini."



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

Attualità

Cronaca

Attualità