QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 20°33° 
Domani 17°29° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
mercoledì 21 agosto 2019

Attualità venerdì 12 aprile 2019 ore 18:05

​Notte Bianca spostata? Facciamola "d'Era"

Confcommercio e Confesercenti verso un possibile accordo dopo il no-rinvio del Comune alla grande festa. Il candidato Franconi: "Collaboriamo"



PONTEDERA — "In giugno non si può fare una Notte Bianca vera e propria?. Bene _ dice la Confcommercio _ , facciamone una autogestita con l'appoggio del Comune che potrebbe sostenere gli oneri di suolo pubblico, Siae e sicurezza". 

"Avevamo proposto anche noi una soluzione del genere _ risponde la Confesercenti con toni in parte concilianti _ e si poteva già lavorare da settimane per attuarla. Facciamola, comunque, il 29 giugno". 

Non è finita la diatriba a tre _ Confcommercio, Comune e Confesercenti _ sulla Notte Bianca in giugno che Palazzo Stefanelli non può organizzare a causa, così è stato detto, delle elezioni di fine maggio. Ma tutto non sembra perduto. Come si può capire dai due interventi che di seguito pubblichiamo.

Non vogliono che si chiami Notte Bianca _ dice Confommercio_ e se serve cambieremo nome. Ma se i commercianti ci stanno, siamo ancora in tempo ad organizzare la festa di giugno". E' Mickey Condelli, presidente di Confcommercio Pontedera a lanciare la contro-proposta all'amministrazione comunale e agli stessi colleghi commercianti: “Avremmo preferito una diversa disponibilità da parte dell'amministrazione comunale visto l'importanza che la Notte Bianca riveste per Pontedera e per il suo tessuto commerciale. Non vogliamo polemizzare, al contrario per natura siamo abituati a pensare che dietro una criticità possa nascondersi anche una opportunità, e se il budget della festa non sarà più quello degli anni passati, cambiare non è detto che sia negativo per forza”. Condelli pensa ad esempio al fatto che “qualora l'amministrazione comunale si assumesse gli eventuali oneri di suolo pubblico, Siae e sicurezza, ci sarebbero tutte le condizioni affinché locali e attività commerciali possano organizzare ciascuno per proprio conto almeno un evento per quella sera. Non ci sarebbe il concertone, ma una miriade di spettacoli e di proposte di artisti locali sparsi per l'intera città. Credo che l'interesse si confermerebbe comunque alto e Pontedera non resterebbe l'unico comune del territorio a non avere una festa d'inizio estate”.

E Valentina Savi, referente di Confcommercio lancia anche una precisa controproposta all'amministrazione comunale: “Ce la stiamo mettendo tutta per organizzare una festa, e vogliamo essere propositivi contrariamente a chi con le mani in mano, critica e basta. Già poter contare sul supporto tecnico e logistico degli uffici comunali sarebbe per noi un fatto determinante. Il tempo è poco, ma i nostri commercianti ce lo chiedono e non vedo il motivo per cui non dovremmo provare a perseguire questa strada fino in fondo. Qualcuno mi ha suggerito un possibile titolo alternativo del tipo “Notte d'Era”, ma il nome resta l'ultimo dei problemi. Se il comune fornisse queste agevolazioni e garantisse il fondamentale supporto tecnico degli uffici, il prossimo giugno la Notte d'Era o come vorremmo chiamarla, potrebbe davvero, con la volontà dei commercianti, diventare la festa di inizio estate. Tra l'altro, da questo precedente, sorge l'evidente necessità di stabilire una volta per sempre la data definitiva della Notte Bianca”.

Siamo contenti che alla fine Confcommercio abbia convenuto sulla posizione che noi avevamo già espresso nelle settimane scorse _ dice Luca Sardelli di Confesercenti _,ovvero spostarla a settembre nel suo format tradizionale ed a giugno fare una festa in cui i commercianti siano protagonisti dell’organizzazione”. 

“Quando siamo intervenuti chiedendo all’amministrazione na posizione sulla Notte Bianca – dice ancora Sardelli – avevamo già in mente un piano alternativo. Era infatti evidente, visti i tempi ristretti, che il Comune non avrebbe potuto organizzare l’evento come negli ultimi anni (a cominciare dall’impegno economico). Vista l’importanza di una iniziativa come la Notte Bianca nel mese di giugno abbiamo proposto una alternativa, una sorta di “anteprima” nella quale le attività commerciali rimangono aperte anche dopo cena. In questo caso sarebbero i pubblici esercizi, se lo ritengono opportuno, a organizzare autonomamente spettacoli o intrattenimenti per rendere vivo lo shopping serale. Una iniziativa più soft ma comunque in grado di attrarre tanta gente a Pontedera. Potevamo già lavorarci da qualche settimana – conclude Sardelli – invece di scegliere da parte di qualcuno un po’ di visibilità sbandierando ai quattro venti che la Notte Bianca si sarebbe fatta comunque e a tutti i costi. Adesso pensiamo a questo evento che potrebbe essere sabato 29 giugno. E poi con la nuova amministrazione subito a lavoro per la Notte Bianca probabilmente per il 7 settembre".

Sulla polemica relativa alla Notte Bianca è intervenuto anche Matteo Franconi, assessore allo sport e candidato sindaco del centrosinistra: "La Notte Bianca non è soltanto una festa, ma un patrimonio cittadino da tutelare e salvaguardare. Proprio per l'importanza che ha per la città, la manifestazione deve svolgersi nelle migliori condizioni possibili. E se queste non ci sono invece di piangersi addosso o distribuire colpe immaginarie, è bene rimboccarsi le maniche per studiare un'alternativa e far vivere lo stesso alla città una serata di musica e di festa. Come? Ripartendo dalla collaborazione tra amministrazione e commercianti". 

Franconi, poi, fa riferimento alla proposta di Confcommercio, che auspica una festa "alternativa" alla Notte Bianca nel periodo centrale dell'estate, basta sulla collaborazione tra i commercianti e gli esercenti: "Questo è ciò che ho provato a spiegare nei giorni scorsi, allo scoppiare della polemica relativa allo spostamento della Notte Bianca a settembre a causa delle elezioni amministrative. Lo stesso concetto è stato ripreso da Confcommercio, che propone "Notte d'Era", una festa da realizzare mettendo in rete i commercianti e le attività. Mi fa piacere che un'associazione di categoria punti sulla coesione e sull'unità del tessuto commerciale, e che lo faccia nell'ottica di garantire un'attrazione, un evento, una tradizione. I passi da fare sulla Notte Bianca sono due ed entrambi saranno nelle mie priorità se i cittadini mi daranno la loro fiducia: fissare una data permanente per l'evento e organizzare nel migliore dei modi quella di settembre prossimo. Pontedera sa fare festa! I commercianti pontederesi sanno fare la differenza".

Mario Mannucci
© Riproduzione riservata



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Spettacoli

Sport